Hot Stove Report # 7

Jeff Weaver, dopo le World Series una nuova sfida a Seattle

Con l'arrivo del mese di febbraio, i roster delle squadre MLB iniziano a prendere una fisionomia piuttosto definita che, nella maggior parte dei casi, non sarà  più modificata da nuovi colpi di mercato almeno fino alla prossima estate. A seguito quindi di questo fisiologico calo nel numero di trattative concluse, anche gli appuntamenti con i nostri report sono stati diluiti senza che questo comunque ci impedisca oggi di riportare le più interessanti novità  di queste ultime settimane. Il periodo che va dal 09/01/2007 al 08/02/2007, oggetto del presente numero della rubrica, non sarà  certamente ricordato per il clamore suscitato da importanti firme su principeschi contratti, anche se, in più di un caso, si sono concluse trattative molto interessanti sotto il profilo tecnico. Operazioni come Trot Nixon agli Indians, Cliff Floyd ai Cubs o Jeff Weaver ai Mariners, se da un punto di vista mediatico non sono state particolarmente stimolanti, possono invece avere, in concreto, un impatto sul campionato anche più importante rispetto ad altri ben più celebrati trasferimenti da prima pagina. Prima di partire con i commenti più analitici, ricordo tra l'altro che con questo numero dell'Hot Stove Report si chiude il ciclo di appuntamenti sull'affascinante mondo del mercato MLB, con la speranza di aver in qualche modo contribuito a rendere più agevole l'aggiornamento sulle novità  del baseball USA. Ma lasciamo ora spazio alle più interessanti trattative di mercato di queste ultime settimane.

Russ Ortiz ai San Francisco Giants

Position:SP; 2006 Team:Baltimore Orioles; Signing date:09/01/2007

La corsa per il quinto posto nella rotazione dei Giants (che annovera già  Barry Zito, Matt Cain, Matt Morris e Noah Lowry) si arricchisce di un nuovo contendente con l'acquisto del veterano Russ Ortiz (2006 stats: 0-8, 8,14 ERA, 60,0 IP, 44 K, 40 BB) per un anno al modesto importo di $ 380.000. Il suo ritorno a San Francisco, dove in cinque anni di carriera (dal 1998 al 2002) ha collezionato un ottimo record di 67-44 con un'ERA di 4,01, è un disperato tentativo di tornare un lanciatore da MLB dopo che numerosi problemi fisici e di meccanica di lancio ne avevano segnato il brusco declino negli ultimi due anni (5-11, 6,89 ERA con Arizona già  nel 2005), culminato con l'imbarazzante record della scorsa stagione maturato tra D-backs e O's. A soli 32 anni, Ortiz potrebbe ancora tornare su livelli accettabili anche in virtù delle ultime confortanti prestazioni offerte nella Winter League di Porto Rico, ma non si può negare che la strada per il suo pieno recupero sia ancora molto lunga. Gli altri contendenti al posto sono i giovani Brad Hennessey e Jonathan Sanchez che attualmente sembrano in netto vantaggio, ma non sottovalutiamo l'aria della baia""

Mark Mulder resta ai Saint Louis Cardinals

Position:SP; 2006 Team:Saint Louis Cardinals; Signing date:10/01/2007

Un'importante conferma nella rotazione dei campioni del mondo è arrivata con la firma del mancino Mark Mulder (2006 stats: 6-7, 7,14 ERA, 93,1 IP, 50 K, 35 BB) per due anni alla cifra di $ 13 milioni con un'opzione per il club anche per il 2009. I pessimi risultati nella stagione 2006 dovuti in buona parte a continui problemi alla spalla e l'intervento chirurgico proprio alla cuffia dei rotatori a cui si è sottoposto nel mese di settembre, lasciano più di un dubbio sulle sue prospettive di rendimento per il 2007. Difficilmente sarà  a disposizione del manager Tony La Russa per gli inizi di aprile e la data del suo rientro è tuttora molto incerta essendo legata all'andamento ed ai progressi nella difficile riabilitazione a cui si sta sottoponendo in queste settimane invernali. Il general manager Walt Jocketty si dice certo di un suo pieno recupero e la stessa cosa si augurano anche i tifosi dei Cardinals e più in generale tutti gli appassionati di baseball MLB che non vogliono perdere un protagonista del monte di lancio capace in carriera di un record di 103-57 (in 199 partenze) con un'ERA di 4,11.

Trot Nixon ai Cleveland Indians

Position:OF; 2006 Team:Boston Red Sox; Signing date:19/01/2007

I Cleveland Indians mettono la ciliegina sulla torta di questa brillante campagna acquisti, assicurandosi per un anno l'esterno Trot Nixon (2006 stats: .268 AVG, 59 R, 8 HR, 52 RBI, 60 BB, 0 SB) per una cifra che si aggira intorno ai $ 3 milioni. Anche se la sua produzione offensiva, causa numerosi problemi fisici, si è decisamente ridimensionata negli ultimi tre anni (9 HR di media all'anno dal 2004 al 2006), l'indiscusso talento di Nixon rappresenta comunque un salto di qualità  per il lineup della tribù. Tutti i tifosi della Red Sox Nation lo ricordano infatti grande protagonista nelle tre stagioni dal 2001 al 2003 (periodo in cui ha ottenuto di media 26 HR e 90 RBI) senza parlare di quel .357 di media in battuta nelle storiche World Series del 2004. Dunque un giocatore che ha già  lasciato il segno nel mondo della MLB, ma che a soli 32 anni può ancora fare la differenza sempre che riesca a restare lontano dagli infortuni.

Ramon Ortiz ai Minnesota Twins

Position:SP; 2006 Team:Washington Nationals; Signing date:22/01/2007

Uno dei pochi colpi di mercato dei Twins durante questa off-season arriva poco dopo la metà  di gennaio ed è teso a rinforzare un reparto, quello dei lanciatori partenti, più che decimato tra infortuni (Francisco Liriano) ed illustri ritiri (Brad Radke). L'arrivo di Ramon Ortiz (2006 stats: 11-16, 5,57 ERA, 190,2 IP, 104 K, 64 BB) per un anno a $ 3,1 milioni garantisce almeno un po' di esperienza ad una rotazione che, a parte Johan Santana e Carlos Silva, non annovera giocatori di provata affidabilità  a livello di Major League. Nel presentare l'acquisto si è fatto riferimento in primo luogo agli otto anni d'esperienza del trentatreenne domenicano (che sono forse la sua migliore dote), anche perché i numeri in carriera (79-76, 4,85 ERA) non lo dipingono certo come il possibile sostituto di Radke o di Liriano. Il 2002 è infatti la sua unica stagione ad ottimo livello (15-9, 3,77 ERA con gli Angels), poi in tre anni su quattro ha collezionato un'ERA sopra 5,20 ed un record negativo. Non sembra che il 2007 possa riservare a lui ed ai Twins qualcosa di meglio, anche se il pitching coach Rick Anderson ci ha più di una volta riservato piacevoli sorprese.

Cliff Floyd ai Chicago Cubs

Position:OF; 2006 Team:New York Mets; Signing date:24/01/2007

I Chicago Cubs completano un lineup davvero invidiabile con l'acquisto del veterano Cliff Floyd (2006 stats: .244 AVG, 45 R, 11 HR, 44 RBI, 29 BB, 6 SB) per un anno ad un importo di $ 3 milioni con un'opzione per il 2008 a favore di entrambe le parti. Le statistiche non certo esaltanti dello scorso anno sono da attribuire ad un fastidioso infortunio al tendine di Achille (operato al termine della stagione) che lo ha costretto a saltare più di 60 partite. Resta comunque un giocatore esplosivo, sia al piatto che nello spogliatoio, capace di cambiare la partita con un giro di mazza ma qualche volta poco concreto nei momenti chiave della gara. Nativo proprio di Chicago, Floyd non ha fatto mistero di sognare da anni questo trasferimento che gli consentirà  finalmente di vestire la maglia della squadra di cui era tifoso quando era bambino. A parte questo risvolto deamicisiano, ci sono tutti i presupposti per un 2007 sui livelli di due stagioni fa con i Mets (34 HR e 98 RBI) anche se molto dipenderà  dall'entità  degli strascichi lasciati dall'operazione al tallone.

Darin Erstad ai Chicago White Sox

Position:1B; 2006 Team:L.A. Angels of Anaheim; Signing date:25/01/2007

L'acquisto di Darin Erstad (2006 stats: .221 AVG, 8 R, 0 HR, 5 RBI, 6 BB, 1 SB) da parte dei White Sox per un anno per un valore complessivo di $ 1 milione (ed un'opzione da $ 3,5 milioni per il 2008 a favore del club) assume una particolare importanza, almeno per la prima parte della stagione, dopo che l'esterno sinistro titolare Scott Podsednik sarà  costretto a saltare le prime settimane di regular season a causa di una pubalgia piuttosto acuta che ha richiesto anche un intervento. Lo stesso Erstad è reduce però da un brutto infortunio alla caviglia destra, operata poi ad inizio autunno, che lo scorso anno lo ha limitato a sole 40 partite nell'intero campionato. I suoi numeri in carriera parlano di una media in battuta di .286 in undici anni in MLB, tutti con gli Angels, e di un titolo di campione del mondo conquistato nel 2002 da vero protagonista, ma ormai da qualche anno il suo rendimento sembra essere in leggera flessione. Al di là  del problema a Podsednik, può comunque giocarsi il posto da titolare in esterno centro con il giovane Brian Anderson anche se al momento attuale è più probabile vederlo utilizzato nel ruolo di backup sia tra gli esterni che in prima base.

Jeff Weaver ai Seattle Mariners

Position:SP; 2006 Team:Saint Louis Cardinals; Signing date:29/01/2007

I Seattle Mariners mettono a segno uno degli ultimi colpi di mercato di questa off season assicurandosi i servigi del partente Jeff Weaver (2006 stats: 8-14, 5,76 ERA, 172,0 IP, 107 K, 47 BB) per un anno alla cifra molto importante di $ 8,325 milioni. Al momento attuale si può dire che il vero affare l'abbia fatto Weaver che è riuscito nel migliore dei modi a monetizzare il suo convincente finale di stagione (culminato in un record di 3-2 ed un'ERA di 2,43 in cinque apparizioni nella postseason 2006), mentre per i Mariners si dovrà  attendere almeno fino all'inizio del campionato prossimo per vedere se l'investimento pagherà  i dividendi sperati. Il suo 2006 da dottor Jekyll e Mr. Hyde (3-10, 6,29 ERA in 16 partenze con gli Angels per poi passare ai Cardinals e diventare campione del mondo mettendoci molto del suo) infatti non parla certo di solidità  e continuità  sul monte, anche se è innegabile che il ragazzo, se ispirato, sia capace di grandi cose. Dopo una carriera da eterna promessa, è riuscito ad imporsi solo ai Dodgers nel biennio 2004-2005, favorito anche da uno stadio indulgente con i lanciatori e da una division non certo esplosiva nel box di battuta. Il suo record di 86-101 e 4,55 di ERA non promette niente di esaltante e la sua stagione 2007 probabilmente resterà  più o meno su questi standard.

Preston Wilson resta ai Saint Louis Cardinals

Position:OF; 2006 Team:Saint Louis Cardinals; Signing date:29/01/2007

Dopo qualche tentennamento circa l'opportunità  del rinnovo del contratto, i Cardinals hanno concluso un accordo con Preston Wilson (2006 stats: .263 AVG, 58 R, 17 HR, 72 RBI, 29 BB, 12 SB) per un anno per l'importo di $ 1 milione. Dopo un inizio di stagione non esaltante con gli Astros, Wilson è sembrato rinvigorito dal passaggio ai Redbirds dove, in 33 partite, ha colpito ben 8 HR con una media slugging di .486 sebbene la sua media in battuta non sia andata oltre .243. La flessione durante i playoffs (.200 AVG. con 0 HR e 2 RBI in 13 gare) ha lasciato più di un dubbio sulla sua riconferma, ma alla fine la fiducia per il 2007 è arrivata. Per quanto riguarda le prospettive per la prossima stagione, il fatto che negli ultimi due anni abbia cambiato ben quattro squadre (Rockies, Nationals, Astros e Cardinals) significa che ha effettivamente perso un po' di brillantezza nel box di battuta e che non è riuscito a trovare gli aggiustamenti necessari. In più, i Cardinals hanno abbondanza in esterno con Chris Duncan, Jim Edmonds e Juan Encarnacion (da sinistra a destra) che dovrebbero partire come titolari, relegando quindi Wilson al ruolo di principale backup (in tutte e tre le posizioni) in concorrenza anche con John Rodriguez, Scott Spiezio, So Taguchi e Skip Schumaker.

David Wells resta ai San Diego Padres

Position:SP; 2006 Team:San Diego Padres; Signing date:30/01/2007

Per la seconda volta in questo mercato i San Diego Padres affidano il monte di lancio ad un veterano di valore assoluto e di esperienza addirittura ventennale. Dopo Greg Maddux (arrivato in California a metà  del mese di dicembre) anche David Wells (2006 stats: 3-5, 4,42 ERA, 75,1 IP, 38 K, 12 BB) firma per i Padres per un anno con un contratto che gli garantirà  $ 3 milioni ma che può arrivare fino a $ 7 milioni se il mancino riuscirà  a iniziare almeno 27 gare come partente. Che dire di un giocatore che in carriera può vantare un record di 230-148 con un'ERA di 4,07 e che alla tenera età  di 43 anni si appresta ad iniziare la sua ventunesima stagione da professionista? Che l'unico dubbio sul suo rendimento risiede nelle sue precarie condizioni fisiche (intervento ad un ginocchio ad inizio 2006), visto che il controllo è ancora quello dei tempi migliori e che la curva resta sempre intoccabile. Il suo record di 1-2 con un'ERA di 3,49 in cinque partenze con i Padres a settembre e soprattutto quel 12-8 con un'ERA di 3,73 sempre a San Diego nella stagione 2004 ci dicono che in California si trova più che a suo agio e che nel 2007 può ancora fare la differenza.

Shannon Stewart agli Oakland Athletics

Position:OF; 2006 Team:Minnesota Twins; Signing date:08/02/2007

Anche se la notizia non è ancora ufficiale, gli A's dovrebbero comunque aver raggiunto un accordo con l'esterno Shannon Stewart (2006 stats: .293 AVG, 21 R, 2 HR, 21 RBI, 14 BB, 3 SB) per un anno ad una cifra di $ 2,5 milioni. Problemi al piede per una fascite plantare lo hanno limitato a sole 44 partite nel 2006 così che, per la seconda volta in tre anni, è stato costretto a perdere la maggior parte della stagione a causa di questa fastidiosa problematica. Se riuscirà  a tornare integro fisicamente non c'è dubbio che Stewart, che ricordiamo per anni come leadoff di Blue Jays e Twins, sia in grado di competere per un posto tra gli esterni grazie ad una media in battuta in carriera di .299 e ad una discreta attitudine difensiva. Attualmente il ruolo di esterno sinistro è di competenza di Nick Swisher (che lo scorso anno però ha giocato 80 gare in prima base), ma non sarebbe una sorpresa vedere proprio Swisher emigrare ancora una volta in prima base (che per ora è di Dan Johnson) per lasciare che Stewart si accomodi in esterno. Lo spring training ci dirà  di più a questo proposito, per adesso non ci resta che attendere l'ufficializzazione del contratto.

Altre operazioni di mercato

Come ogni volta concludiamo il nostro appuntamento con qualche breve notizia sugli scambi che non hanno interessato giocatori free agents.
I Colorado Rockies hanno ottenuto il partente Rodrigo Lopez (2006 stats: 9-18, 5,90 ERA, 189,0 IP, 136 K, 59 BB) dai Baltimore Orioles per i due minor leaguer Jim Miller e Jason Burch. Nonostante un 2006 da dimenticare, Lopez inizia una nuova avventura in Colorado con la benedizione del front office assistant Mark Wiley (che era stato pitching coach del messicano qualche anno fa agli Orioles) e del manager Clint Hurdle, entrambi convinti che Lopez saprà  ritrovare lo smalto degli anni migliori. E' pero evidente che sia una scommessa più che rischiosa.
Come avrete già  letto qualche settimana fa proprio su Play.it (a cui si rimanda per i contenuti tecnici) gli Atlanta Braves hanno acquistato il forte rilievo Mike Gonzalez (2006 stats: 3-4, 2,17 ERA, 54,0 IP, 64 K, 31 BB), già  talentuoso closer dei Bucs', dai Pittsburgh Pirates per il potente prima base Adam LaRoche (2006 stats: .285 AVG, 89 R, 32 HR, 90 RBI, 55 BB, 0 SB).
I Cincinnati Reds hanno acquistato Kirk Saarloos (2006 stats: 7-7, 4,75 ERA, 121,1 IP, 52 K, 53 BB) dagli Oakland Athletics per il rilievo minor leaguer David Shafer. Solo al termine dello spring training i Reds decideranno se utilizzare Saarloos come (quinto) partente o come rilievo, ma vista la versatilità  dimostrata ad Oakland potrebbe essere impiegato in entrambi i ruoli a seconda delle necessità  della squadra.

Free agent tracker – al fine di rendere più agevole la verifica della posizione contrattuale dei giocatori, segue un semplice riepilogo in ordine alfabetico dei contratti conclusi già  esaminati nei precedenti numeri (a fianco di ogni giocatore è indicata la nuova squadra di appartenenza e il numero della rubrica che ne ha dato notizia): A Moises Alou (NYM-2) e Rich Aurilia (SF-3), B Danys Baez (BAL-2), Rod Barajas (PHI-5), Miguel Batista (SEA-4), Craig Biggio (HOU-1), Barry Bonds (SF-3), Aaron Boone (FLA-6), Joe Borowski (CLE-3), Chad Bradford (BAL-3) e Marlon Byrd (TEX-4), C Sean Casey (DET-1) e Frank Catalanotto (TEX-2), D Mark De Rosa (CHC-1), David Dellucci (CLE-3), Octavio Dotel (KC-4), J.D. Drew (BOS-3) e Ray Durham (SF-3), E Adam Eaton (PHI-3), F Pedro Feliz (SF-3), Keith Foulke (CLE-6) e Aaron Fultz (CLE-3), G Eric Gagne (TEX-4), Nomar Garciaparra (LAD-2), Marcus Giles (SD-5), Tom Glavine (NYM-3), Alex Gonzalez (CIN-2), Luis Gonzalez (LAD-3) e Jose Guillen (SEA-3), H Wes Helms (PHI-1), Orlando Hernandez (NYM-1), Roberto Hernandez (CLE-3), Shea Hillenbrand (LAA-5) e Aubrey Huff (BAL-6) I Kei Igawa (NYY-5), K Ryan Klesko (SF-5), L Carlos Lee (HOU-2), Mike Lieberthal (LAD-5), Ted Lilly (CHC-3), Kenny Lofton (TEX-4), Mark Loretta (HOU-6), e Julio Lugo (BOS-3), M Greg Maddux (SD-4), Jason Marquis (CHC-5), Daisuke Matsuzaka (BOS-4), Gary Matthews Jr. (LAA-2), Gil Meche (KC-4), Jose Mesa (DET-4), Doug Mientkiewicz (NYY-6), Kevin Millar (BAL-4) e Mike Mussina (NYY-2), P Vicente Padilla (TEX-4), Jay Payton (BAL-4), Andy Pettitte (NYY-4), Mike Piazza (OAK-3), Juan Pierre (LAD-2) e Joel Pineiro (BOS-6), R Aramis Ramirez (CHC-1), Chris Reitsma (SEA-6) e Dave Roberts (SF-3), S Jason Schmidt (LAD-3), Gary Sheffield (DET-1), Alfonso Soriano (CHC-2), Justin Speier (LAA-2) e Jeff Suppan (MIL-5), T Frank Thomas (TOR-1), V Jose Valentin (NYM-1), W Jamie Walker (BAL-2), Woody Williams (HOU-2), Scott Williamson (BAL-3), Randy Wolf (LAD-3) e Jaret Wright (BAL-1), Z Barry Zito (SF-5).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *