Rimesse da Playoff – (Part 3 )

Doc e Vinny hanno duellato con belle rimesse fino alla fine di Gara 7

Proseguiamo nella nostra disamina dei finali di partita degli ultimi Playoffs NBA: c'è una serie che rimarrà  nella storia di cui dobbiamo ancora finire di parlare…

Celtics vs Bulls Game 4 (2-1)

119-115 Bulls a 26.6 secondi della fine del secondo overtime; rimessa laterale Celtics che impone a Boston di accorciare le distanze, mentre Chicago mira soprattutto a tutelare un vantaggio di quattro punti che, tenendo Boston a più di un possesso di distacco, faciliterebbe la gestione delle azioni finali. Non per nulla, Rivers ha In campo "il quintetto con le mani buone" (niente Perkins o Moore o T. Allen per intenderci) che mette alla prova la copertura difensiva dei Bulls"

In campo
Boston: 1-Rondo, 2-House, 3-Allen, 4-Pierce, 5-Davis.
Chicago: 1-Rose, 2-Gordon, 3-Hinrich, 4-Salmons, 5-Noah.



Il taglio di House serve per muovere le acque nello stagno di Chicago e per occupare una posizione, l'angolo del lato forte, che ha un buon valore strategico, sia per tenere aperta la difesa, sia per eventuali successivi scarichi.

L'allargamento delle maglie difensive è poi completato dal taglio verticale di Pierce che, passando nella strettoia Davis-Allen, si allontana verso metà  campo. Abbiamo già  visto come queste due posizioni, l'angolo e la punta, siano le più sfruttate dalle rimesse proprio perché costringono i difensori a distanziarsi sul lato forte; lo spot della ricezione si è rivelato invece tra i meno ortodossi (e tra i più rischiosi in una gara punto a punto).

Dall'incrocio sulla lunetta, Allen guizza lontano sul perimetro del lato debole e riceve un (ottimo) passaggio lungo; va in scena così l'ennesimo faccia-a-faccia Allen vs Noah (sempre sveglissimo) e stavolta Ray non traumatizza ulteriormente Joakim, sbagliando il tiro; tuttavia proprio l'assenza di Noah sotto le plance, esalta l'animo di rimbalzista insito in "big baby" Davis.

Quando la palla raggiunge il ferro ci sono nove giocatori sotto la linea del tiro libero, tutti tranne uno: il più pigro o quello più inspirato dal folletto irlandese col gilèt a trifogli (nonostante la trasferta)?

Il tap out di Glen, potenziale apertura (involontaria) per il contropiede dei Bulls, rimbalza infatti sul parquet e si indirizza docile verso le mani di Pierce che, dopo aver fatto "saltare in aria" (cestisticamente) Salmons con una finta, palleggia(?!) e mette la tripla del meno 1, lasciando 19.2 sul cronometro.

Per ironia del destino, il non andare a rimbalzo di Pierce, restando a nove metri dal ferro per fare da "safety difensiva" ad eventuali contropiedi di Chicago, è risultato provvidenziale, procurandogli un buon tiro. Questa rimessa dimostra dunque come, in una situazione del genere, in cui un canestro della difesa su fast break in campo aperto chiuderebbe la partita quasi definitivamente (+6), avere un giocatore, che (dopo esser stato un'opzione) si diriga verso il centro del campo, non solo tutela la copertura difensiva, ma può tornare utile anche in caso di rimbalzi lunghi o tap out, soprattutto se ci mette lo zampino la buona sorte.

Sintesi delle fasi finali

Bulls vs Celtics Game 5 (2-2)

106-104 Boston, 3.4 mancanti sul cronometro del primo supplementare, rimessa Bulls dal lato destro. Imperativo di Chicago: riuscire a prendere un buon tiro o almeno subire fallo per mandare in lunetta le affidabili mani di uno dei cinque Bulls. Imperativo di Boston: chiudere le linee di ricezione per costringere un passaggio forzato, una ricezione problematica ed un tiro disperato.

In campo
Boston: 1-Marbury, 2-Rondo, 3-T.Allen, 4-Pierce, 5-Perkins.
Chicago: 1-Rose, 2-Gordon, 3-Hinrich, 4- Salmons, 5-Miller.



Chiaramente non è questa la sede per discutere sull'entità  del fallo subito da Miller, ma tutto ciò che lo precede è di sicuro interesse tattico. Abbiamo già  visto, con Howard in gara 3 tra Orlando e Phila (7.4 secondi al termine), come il centro, dopo aver bloccato, possa restare libero a causa della premura del proprio difensore nell'aiutare fuori sul clutch shooter di turno; qui è successo qualcosa di molto simile, con Brad Miller che resta incredibilmente isolato, non nel pitturato come Howard, ma comunque ad un terzo tempo di distanza dal sottomano del pareggio. Anche stavolta, solamente l'aiuto tardivo di un piccolo (Rondo) riuscirà , con un fallo, a scongiurare i 2 punti facili (nell'altro caso fu "David" Green ad arpionare "Golia" Dwight).

Alla base della disfunzione difensiva c'è (come sempre?) un buon blocco. Vista la situazione, Perkins deve trascurare Miller dando ormai per scontato che dovrà  prendere Gordon in uscita dal suddetto blocco, ma Rondo non dà  affatto per scontato che Perkins riuscirà  anche a "tenere" Ben per i 3 secondi residui, tempo più che sufficiente a Ben per battere Kendrick in palleggio e segnare da sotto. Così mentre Gordon adesca 2 difensori sul lato forte, Miller resta solo in punta per una ricezione ai limiti dell'inverosimile, considerata la capitale importanza del possesso.

La morale della favola ormai ci è familiare: se il lungo, dopo aver bloccato per l'uscita della minaccia principale, si gira e fronteggia la rimessa, la sua pericolosità  risulterà  tanto maggiore quanto più è stato efficiente il suo blocco; se il blocco è stato ben portato (e ben sfruttato), si troverà  o in mismatch rispetto a un difensore più basso (qualora ci sia un cambio di marcatura), oppure, nell'ipotesi più rosea, totalmente libero come è capitato a Dwight e a Brad.

La bravura dei coach, sta chiaramente nel cercare di far conciliare la dinamica complessiva dello schema con il blocco del centro in uno spot da cui può essere rapidamente pericoloso: non a caso, Howard ha bloccato ai confini del pitturato, Miller a sei metri dal canestro (da lì avrebbe anche potuto tirare sopra a Rondo). Una ulteriore variante è quella che ci ha mostrato Marshall (sempre nella già  commentata Gara 3 Orl vs Phi): bloccare e poi allargarsi sul perimetro, qualora il bloccante sappia anche metterla da tre.

Da notare come non sia arrivato nessun tipo di aiuto dal lato debole: non molto Pierce, quanto Tony Allen, erano talmente impegnati a pressare il proprio uomo, da non avvedersi in tempo che nel bel mezzo del campo c'era un bianco di quasi sette piedi che meritava un po' di copertura.

È uno dei rischi del pressare sulla rimessa con pochi secondi: sai già  dov'è la palla per cui ti impegni solo nel francabollarti al tuo uomo, fidandoti dei tuoi compagni per la chiamata di eventuali blocchi; ma il tuo uomo può diventare anche il tuo burattinaio: ti allontana da dove serviresti"

È quello che ha fatto il rookie con Allen: Tony non guardava minimamente il campo, ma aveva occhi solo per Rose, così Derrick, allargandosi, lo ha anche portato via da Miller, senza che Tony s'accorgesse che era il caso di lasciare il giovane a nove metri dal ferro per aiutare sul veterano a sei metri (e a due passi dietro la sua schiena). Allen si girerà  verso la palla in tempo solo per vedere Rondo e Perkins che abbassano la saracinesca sul malcapitato Brad.

Pierce aveva invece una scelta più amletica: lasciare Salmons in angolo per subire un 2 vs 1, con Miller capacissimo di penetrare e scaricare in angolo, o restare su Salmons e sperare nello sprint di recupero di Rondo e Perkins? Difficile dire quale abbia poi scelto" di fatto, è arrivato in aiuto su Miller in ritardo (assieme agli altri due celtici) lasciando comunque Salmons libero alle sue spalle; ma si sa che Pierce non è tanto efficace in difesa quanto lo è in attacco.

Video della rimessa e dei seguenti tiri liberi (ignorare il commento in sovraschermo)

Celtics vs Bulls Game 6 (3-2)

118-115 Chicago, rimessa Celtics lato sinistro con 12.2 alla fine del secondo overtime, palla che può riaprire la partita di Boston o rimandare la resa dei conti a gara 7.
Vietato rischiare per gli uomini del Doc"

In campo
Boston: 1-Rondo, 2-House, 3-Allen, 4-Pierce, 5-Davis.
Chicago: 1-Rose, 2-Hunter, 3-Hinrich, 4-Salmons, 5-Noah.



Dopo due rimesse con ricezione del tipo "don't try this at home", ecco qualcosa di più "manualistico", ma non meno interessante. La difesa Bulls ci mostra infatti come un cambio di marcatura tra ruoli affini consenta una buona continuità  di copertura sulla palla, poi il prodigio di Ray Allen dimostra invece come non sempre una buona copertura difensiva risulti sufficiente allo scopo.

Dopo aver rimesso, Rondo slitta in angolo, per evitare che il suo difensore infastidisca Allen, più che per aumentare la propria pericolosità . Pierce invece sale a bloccare sodo su Salmons e lo sigilla poi dietro di sé (pick n' seal), ma non sembra molto convinto della propria (buona) posizione per ricevere, e si limita a guardare Allen mentre arresta e tira su Hinrich.

Ben più coinvolto sembra invece "big baby"" forse non ho ben capito il gesto, ma pare che Glen Davis stesse chiamando la palla sul perimetro(?), quindi decisamente fuori dalla sua giurisdizione di tiro, mentre Allen sfruttava il blocco di Pierce.

Da notare che l'incrocio dei due bloccanti in post alto, con uscita profonda della guardia sul lato debole, sia molto simile a quella di Gara 4 (prima rimessa di questa puntata) in cui Allen ha ricevuto il pallone vicino alla linea laterale opposta alla rimessa; anche in questo caso infatti, i due "classici" tagli in punta ed in angolo hanno aperto la difesa.

Stavolta l'incrocio sulla lunetta non ha colto però di sorpresa quella vecchia volpe di Hunter che non ha concesso ad House lo spazio per la ricezione. Anche perché, volendo interpretare il linguaggio del corpo dei celtici In campo, l'opzione principale non era né Eddie né Pierce, ma Ray: azione semplice ed efficace, disegnata per un puro gioco a due Pierce-Allen, che lascia comunque 7.6 sul cronometro per una replica Bulls, ma il punteggio in preziosa parità .

Video della rimessa

Restiamo a Gara 6 per fare un salto al terzo overtime: 126-125 Chicago, 26.6 sul cronometro e rimessa Bulls per rimpinguare l'esiguo vantaggio. Ormai sappiamo bene quanto sia cruciale la comunicazione nei cambi difensivi sui blocchi, e abbiamo anche visto cosa succede quando accadono malintesi; appunto"

In campo
Boston: 1-Hunter, 2-Rose, 3-Hinrich, 4-Salmons, 5-Miller.
Chicago: 1-Marbury, 2-Rondo, 3-R.Allen, 4- T. Allen, 5-Scalabrine.



Disposizione iniziale insolita, vero? E mentre in punta c'è un piccolo rodeo, resta isolato un attaccante a 2 metri dal canestro" che dire? Where amazing happens.

Idea geniale della trinità  Hinrich/Del Negro/Harris? Marbury non doveva cambiare o T.Allen doveva cambiare? Almeno una delle tre ipotesi deve avere senso (e per sapere quella giusta, bisognerebbe fare uno squillo a Doc Rivers").

Brad Miller è piantato sulla sua lunetta (difensiva) come ricezione d'emergenza, magari prendendo la rincorsa così da piombare in attacco staccando Scalabrine (non esattamente una sfida tra levrieri) o è solamente pronto per difendere su un eventuale contropiede da palla persa?

Considerando che il vantaggio dei Bulls è di un solo punto, il tocco sulla palla di Brad (sia tiro che passaggio) avrebbe fatto comodo nella metà  campo offensiva per consolidare il vantaggio, ma ordini di scuderia (credo) lo hanno tenuto al largo e non certo per allontanare un difensore temibile dal pitturato (senza offesa per il rosso in divisa verde). Ciò nonostante, la rimessa Bulls è andata a buon fine con insolita facilità ; ovviamente per "buon fine" qui si intende la messa in atto di una buona soluzione (la palla nella retina è poi un altro discorso e non riguarda l'esecuzione in sé).

Da notare come, anche stavolta, il bloccante si sia rivelato pericoloso con un pick n' roll lontano dalla palla (molti similmente a quanto accaduto nella pluricitata rimessa di Howard in gara 3 vs Phila).

Credo comunque che anche questa inbound sia di quelle da tenere per le occasioni speciali, sempre sperando che la difesa ci caschi" comunque, ci insegna come sia sempre bene avere più opzioni: anche quella meno probabile, tipo la guardia che riceve in solitaria a due metri dal ferro, può risultare decisiva (che poi Hinrich abbia sbagliato l'appoggio, sul prodigioso recupero di Rondo, conferma solamente come il folletto irlandese dei Celtics fosse al momento seduto proprio sul ferro" eh si, in occasione dei playoff ha seguito i suoi protetti anche fuori casa e c'ha messo lo zampino").

Sintesi delle fasi finali della gara

Bulls vs Celtics Game 7 (3-3)

102-97 Boston, 42.3 al termine di una quanto mai meritata gara 7, rimessa dal fondo per i Celtics che, dopo aver incassato una (rara) bimane di Miller, potrebbero sigillare la partita e la serie; i Bulls ne sono consapevoli e pressano la rimessa, per cercare un recupero e un tiro che riaprirebbe le chances di un lieto fine.

Non viene chiamato time out da Boston così, dopo i due punti scuoti-ferro di Miller, la priorità  Bulls è solamente difendere anche sulle ombre. Ma come dimostrato proprio poco prima dalla difesa Celtics, troppa pressione sulla palla e poca attenzione agli switch sui blocchi è un'equazione che dà  spesso come risultato "tiro facile", soprattutto se la pressione è a tutto campo. Se inoltre consideriamo i componenti del quintetto di Boston, in cui Pierce è il più alto(!), è prevedibile che i match up daranno adito a qualche sorpresa; infatti"

In campo
Boston: 1-Rondo, 2-Marbury, 3-House, 4-R.Allen, 5-Pierce.
Chicago: 1-Rose, 2-Salmons, 3-Hinrich, 4-Gordon, 5-Miller.



Anche questa ricezione è tra genialità  e sregolatezza: non so quale probabilità  d'efficacia possa avere in generale (e con quintetti meno sperimentali), ma in questo preciso contesto alla "do or die" ("o la va o la spacca" diremmo noi italici) ai Celtics è valsa una serie playoff, quindi non va certo sottovalutata.

Marbury blocca Miller (si, 64 libbre, 29 kg di differenza) che dopo il canestro ha preso difensivamente Allen e non Pierce, più per motivi di immediata vicinanza che per sopravvalutazione dei propri mezzi. Allen può quindi travestirsi da wide receiver Nfl e House da quarterback: passaggio lungo e touch down farcito da libero supplementare. Game over.

Salmons, per atletismo, avrebbe potuto riprendere Allen anche in retromarcia, se avesse cambiato sul blocco, evitando così l'imbarazzante situazione in cui il centro (annata '76) deve rincorrere In campo aperto la guardia (ok, annata '75, ma pur sempre guardia).

Tuttavia, il cambio avrebbe comportato comunque un mismatch da Wwf: Miller vs Marbury" un centro caucasico su un play newyorkese" a tutto campo" please, non scherziamo.

Qual'è la chiave di questo rebus? Il fatto che su Allen ci fosse Miller sin dal blocco. Forse era scacco matto già  da questo accoppiamento improvvisato, ma i biancoverdi sono comunque stati cinicamente efficaci e rapidi a sfruttarlo; merito soprattutto di House che, dopo aver ricevuto palla, ha subito alzato la testa, senza palleggi superflui, e lanciato prontamente il passaggio.

Da notare come, quasi paradossalmente, l'assenza di un time out celtico abbia danneggiato i Bulls, che in caso di sospensione avrebbero, si, dovuto affrontare un attacco organizzato, ma avrebbero avuto anche il tempo per decidere meglio gli abbinamenti difensivi. La mancanza della tregua post-canestro ha invece evidenziato la problematicità  dei match up tra i due quintetti.

Curiosità : a ben vedere, Ray Allen, nella galoppata per la vittoria, non sfoggia un controllo di palla esattamente da guardia" la sfera gli sfugge dal palleggio(!), rimbalza sul petto(!!), in faccia(!!!), rischiando di mettere in scena la gaffe (o blooper) del secolo, ma viene poi riaddomesticata da Ray giusto in tempo per la conclusione (e poi dicono che il trifoglio sulla maglia non funziona").

Scenetta che fa riconsiderare Noah come ball-handler, ripensando alla celebre cavalcata di Gara 6 (circa 40 secondi alla fine del terzo OT), quando Joakim intercettò un passaggio in area, partì in palleggio, staccò Pierce in velocità  (Allen invece s'è fatto raggiungere da Miller) e schiacciò subendo anche fallo; il tutto con nonchalance degna di un giovane Marcus Camby.

Complimenti inevitabili a due squadre che hanno dato vita ad una serie che è già  storia; qui ci siamo limitati alle rimesse, ma di highlights da narrare, da entrambe le parti, ce ne sarebbero"

Video della rimessa e, per i perfezionisti, video dell'ultimo minuto.

Nella prossima puntata lasceremo alle spalle il primo turno, andando ad Ovest, da Nuggets, Mavericks e Lakers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Informativa cookie

Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso.

Cosa sono i cookies?

Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra.

Come utilizziamo i cookies?

In alcune pagine utilizziamo i cookies per ricordare:

  • le preferenze di visualizzazione, per es. le impostazioni del contrasto o le dimensioni dei caratteri
  • se hai già risposto a un sondaggio pop-up sull'utilità dei contenuti trovati, per evitare di riproportelo
  • se hai autorizzato l'uso dei cookies sul sito.

Inoltre, alcuni video inseriti nelle nostre pagine utilizzano un cookie per elaborare statistiche, in modo anonimo, su come sei arrivato sulla pagina e quali video hai visto. Non è necessario abilitare i cookies perché il sito funzioni, ma farlo migliora la navigazione. è possibile cancellare o bloccare i cookies, però in questo caso alcune funzioni del sito potrebbero non funzionare correttamente. Le informazioni riguardanti i cookies non sono utilizzate per identificare gli utenti e i dati di navigazione restano sempre sotto il nostro controllo. Questi cookies servono esclusivamente per i fini qui descritti.

Che tipo di cookie utilizziamo?

Cookie tecnici: Sono cookie necessari al corretto funzionamento del sito. Come quelli che gestiscono l'autenticazione dell'utente sul forum.

Cookie analitici: Servono a collezionare informazioni sull'uso del sito. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull'attività dell'utenza. I cookie analitici sono inviati dal sito stesso o da siti di terze parti.

Quali sono i Cookie di analisi di servizi di terze parti?

Widget Video Youtube (Google Inc.)
Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine. Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Privacy policy

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)
Il pulsante "Mi Piace" e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc. Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Privacy policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)
Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc. Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Privacy policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)
Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc. Privacy policy

Come controllare i cookies?

Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi - per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi