Boston a un passo dal titolo

Nelle due gare giocate a L.A.,Ray Allen è stato il migliore dei Big Three

I Boston Celtics espugnano lo Staples Center di Los Angeles in Gara4 delle Finals e sono ormai vicinissimi al 17esimo titolo della loro storia:91-97 il punteggio finale in loro favore.

Al termine di un match dall'andamento incredibile la franchigia del Massachusetts si ritrova infatti avanti 3-1 nella serie e mai nessuno è riuscito a rimontare un simile svantaggio nella finalissima.

Inoltre i Celtics sono l'unico team ospite ad aver vinto una partita di post season nell'arena più famosa della California:i Lakers avevano fatto propri tutti i precedenti 9 incontri casalinghi.

Ma adesso questo non conta più e per gli uomini di Phil Jackson è davvero una sconfitta amarissima per due motivi:number1 perché avvenuta contro i rivali storici,quelli che vuoi battere più di tutto e tutti,number2 perché i padroni di casa ad un certo punto erano avanti di 24 punti!

Bryant e co. conducevano 35-14 dopo i primi 12 minuti,uno show a senso unico e da lì alla fine del primo tempo perdevano soltanto 3 punti,troppo pochi per poter realmente pensare ad un prepotente ritorno celtico:a metà  gara il punteggio vedeva i gialloviola avanti 58-40.

Poi l'inizio dell'incubo:il team losangelino entrava in completa confusione e a 12 minuti dalla fine conservava soltanto 2 punti di vantaggio sui rivali biancoverdi:73-71.

Sarebbero stati sufficienti,ma ormai Boston si era letteralmente scatenata e con un parziale di 26-18 faceva suo l'ultimo periodo,l'incontro e"

E chissà !

Quanto alle prestazioni dei singoli giocatori,è giusto cominciare da Kobe Bryant:era il più atteso,la grande speranza dei californiani,ma dopo una brillante Gara3 Kobe si è perso nella morsa della celeberrima difesa nordamericana:il suo 6/19 dal campo è poca cosa"in totale 17 punti e 10 assist,come a dire,amici miei io non ci riesco,pensateci voi!

E i suoi "sudditi" Gasol e Odom hanno retto finchè hanno potuto:17punti +10r. per lo spagnolo,19p e 10r. per Lamarvellous.

Il povero Sasha Vujacic,eroe dell'ultimo incontro,"affogava" in qualcosa più grande di lui e concludeva il match con un misero 1/9 e 3 complessivi punti.

Infine 10 punti per Radmanovic,forse il lacustre più deludente della serie(ma i Celtics probabilmente non li doveva battere lui") e 13p per Fisher.

I biancoverdi gongolano e si preparano al triplo match point,sperando di sfruttare il primo e dare la buonanotte ai tristi rivali.

Ancora una volta la loro difesa(tranne che nel primo quarto")è risultata vincente ma stavolta è cambiato qualcosa soprattutto davanti:le pessime statistiche di Gara3 con Pierce&Garnett che uscivano con un complessivo e disarmante 8/35 al tiro sono soltanto uno sbiadito ricordo:20 punti con 6/13 e 7assist per Pierce,16p+11r. per Garnett.

Ancora un'ottima prestazione per Ray Allen,19p+9r.

Un contributo fondamentale per battere i Lakers arrivava dalla panchina:Posey e House giocavano 25 minuti ciascuno,realizzando rispettivamente 18 e 11 punti.

Per Rondo,reduce da un infortunio,17 minuti e 5 punti.
E a proposito d'infortuni,anche Perkins è uscito con una spalla dolorante,la sua gara è durata soltanto 13 minuti. Vedremo se potrà  essere recuperato per la prossima partita.

Gara5 è in programma ancora allo Staples domenica sera ma ormai il destino appare segnato:Phil Jackson dovrà  inventarsi chissà  cosa per rimettere in carreggiata il proprio team,questa è una sberla che non si dimentica facilmente.

Rabbia e incredulità  si potevano leggere nei volti dei tifosi che abbandonavano lo stadio:aver di fronte la grande occasione per sotterrare anche nel morale il tuo nemico e lasciarsela sfuggire così"certo,può capitare ma sarebbe meglio non capitasse sull'1-2 con le eventuali ultime due gare da giocare nella tana di quel nemico che tu hai graziato a casa tua,quando stava per soccombere.

E i Celtics? E' incredibile come finora abbiano tremato più con squadre lontane dall'essere contender,come Hawks e Cavaliers che non contro le migliori avversarie possibili.

Rivers ha imparato molto strada facendo,ora manca l'ultimo pezzo per completare un puzzle che sta riuscendo alla perfezione.

Un puzzle che Garnett e co. vogliono terminare il prima possibile perché loro,a differenza dei Lakers,quando si tratta di dover essere spietati non se lo fanno ripetere due volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *