NBA Finals: Gara2 alla lavagna

In gara2, Powe aveva un'idea meravigliosa in testa…

Non è semplice estrapolare spunti tattici utili per il futuro da una Gara 2 che è stata una partita di basket sostanzialmente per meno di due quarti di gioco: a partire dagli ultimi minuti del secondo periodo, infatti, non si è vista la pallacanestro che ci si attende dalle Finals, ma un terzo quarto di allenamento dei Celtics contro degli sparring partner vagamente rassomiglianti ai Lakers, ed un quarto periodo suddiviso in un lungo garbage time (dominato nientemeno che da Leon Powe) ed alcuni minuti di follia collettiva durante un tentativo matto e disperatissimo di rimonta da parte degli ospiti.

Tra le indicazioni interessanti comunque fornite da questa gara, la prima e la principale è che, sfoggiando questa difesa, i Lakers non hanno speranze di rivedere il Garden.

L'attacco biancoverde è sembrato letteralmente onnipotente, in una sinfonia di penetra e scarica, rapidi tiri da tre in situazioni di early offense, extra pass per punire gli aiuti troppo timidi: 31 canestri assistiti sui 36 segnati in totale da Boston, percentuali di tiro irreali (52,9% e 64,3%), 122.7 punti per 100 possessi; cifre semplicemente paradisiache, che testimoniano della qualità  altissima delle soluzioni offensive che i padroni di casa hanno creato per tutta la partita.

La difesa dei gialloviola è stata, senza mezzi termini, un disastro in tutte gli aspetti che caratterizzano un sistema difensivo nel basket; pessimi negli 1vs1 (Rondo e Pierce battevano l'uomo praticamente al primo palleggio, con una facilità  tale da rendere addirittura impossibili gli aggiustamenti), pessimi negli aiuti e nelle rotazioni (questo post analizza una giocata esemplare degli orrori difensivi degli ospiti) pessimi nella tecnica individuale (anziché muovere le gambe muovevano le mani, sbracciando continuamente alla ricerca di impossibili stoppate e recuperi, e generando una valanga di tiri liberi assolutamente gratuiti).

La soluzione ad un disastro di tale portata sembra più emotiva che tattica: i Lakers, se vogliono coltivare ancora qualche speranza di titolo, devono rimboccarsi le maniche e giocare con l'aggressività  e la cattiveria viste contro gli Spurs; scavando nel folle quarto periodo di Gara 2, però, si può comunque trovare una indicazione valida in generale, consistente in una diversa distribuzione degli assegnamenti difensivi, in relazione alla marcatura di Pierce (Radmanovic è totalmente imbelle al suo confronto) e soprattutto alla gestione delle marcature di Odom e Gasol.

Il catalano, come è noto, è assolutamente deficitario in quasi tutti gli aspetti del gioco che riguardano la difesa (1vs1, aiuti, rotazioni, tagliafuori): c'è però una cosa che sa fare, ed è fare il "portiere" a centroarea, aprendo le ali da pterodattilo ed alterando i tiri altrui; la marcatura su Garnett (che staziona quasi sempre ai confini del pitturato), a differenza di quella su Duncan, lo allontana dal canestro, esponendone le carenze nei movimenti laterali e nel "backpedaling", e allo stesso tempo rende impari la lotta a rimbalzo tra un fenomenale rimbalzista dinamico come KG ed un pessimo esecutore di tagliafuori come il catalano.

Contemporaneamente, la volontà  di Phil Jackson di tenere Odom su un attaccante meno pericoloso per poterlo sfruttare da "libero" a tutto campo (stile che ha esaltato, nelle sue passate squadre, Pippen e Horry) non si è rivelata premiante, sia perché Lamarvelous sta rendendo al di sotto delle aspettative, sia perché, come detto, in un contesto in cui l'uomo sul perimetro viene battuto con troppa facilità , il raddoppio diventa pressoché inutile anche se portato con i tempi giusti e la dovuta attenzione.

Finora abbiamo parlato soltanto di cosa hanno fatto i Celtics in attacco e i Lakers in difesa, anche se questa finale era attesa da tutti come la sfida tra la difesa stellare dei primi e l'attacco stellare dei secondi: ecco, in quest'altra metà  campo le indicazioni tattiche di gara 2 sono state più interessanti.

I Lakers, come previsto, hanno cercato con insistenza (quantomeno finché c'è stata partita) Kobe in post medio, e i risultati li hanno premiati, visto che il Mamba si è trovato a giocare molto più vicino a canestro (come dimostra un confronto tra le shot chart della prima e della FletcherLyndPubblicato il Categorie NBATag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Informativa cookie

Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso.

Cosa sono i cookies?

Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra.

Come utilizziamo i cookies?

In alcune pagine utilizziamo i cookies per ricordare:

  • le preferenze di visualizzazione, per es. le impostazioni del contrasto o le dimensioni dei caratteri
  • se hai già risposto a un sondaggio pop-up sull'utilità dei contenuti trovati, per evitare di riproportelo
  • se hai autorizzato l'uso dei cookies sul sito.

Inoltre, alcuni video inseriti nelle nostre pagine utilizzano un cookie per elaborare statistiche, in modo anonimo, su come sei arrivato sulla pagina e quali video hai visto. Non è necessario abilitare i cookies perché il sito funzioni, ma farlo migliora la navigazione. è possibile cancellare o bloccare i cookies, però in questo caso alcune funzioni del sito potrebbero non funzionare correttamente. Le informazioni riguardanti i cookies non sono utilizzate per identificare gli utenti e i dati di navigazione restano sempre sotto il nostro controllo. Questi cookies servono esclusivamente per i fini qui descritti.

Che tipo di cookie utilizziamo?

Cookie tecnici: Sono cookie necessari al corretto funzionamento del sito. Come quelli che gestiscono l'autenticazione dell'utente sul forum.

Cookie analitici: Servono a collezionare informazioni sull'uso del sito. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull'attività dell'utenza. I cookie analitici sono inviati dal sito stesso o da siti di terze parti.

Quali sono i Cookie di analisi di servizi di terze parti?

Widget Video Youtube (Google Inc.)
Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine. Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Privacy policy

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)
Il pulsante "Mi Piace" e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc. Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Privacy policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)
Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc. Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Privacy policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)
Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc. Privacy policy

Come controllare i cookies?

Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi - per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi