USL 2nd: La regina balla il Charleston

Il Charleston Battery, campione USL 2nd Division 2010

L'ultimo atto del campionato 2010 United Soccer League 2nd Division, l'ultimo prima della ristrutturazione e della nuova USL PRO League che partirà  nel 2011, si è consumato sabato 29 agosto al "Blackbaud Stadium" di Charleston – dove ogni anno si tiene il classico torneo precampionato con squadre MLS, la Carolina Challenge Cup – davanti ad un pubblico quantificato in 4,253 presenze, con la finalissima tra i locali Charleston Battery ed i Richmond Kickers.

I gialloneri di mister Mike Anhaeuser si sono imposti per 2-1, aggiudicandosi il titolo e coronando al meglio una stagione in cui avevano spadroneggiato sulle rivali di un torneo che è sembrato pagare l'inevitabile dazio ad una crisi gestionale interna alla lega fondata da Marcos.

Un torneo questo apparso limitato sia nella composizione che nella formula strutturale: troppo poche sette squadre allineate ai nastri di partenza, e per di più senza grandi aspettative per il futuro, e poi un calendario troppo compresso con team per economizzare le trasferte chiamate a disputare due gare in due giorni.

Tutto ciò era però già  successo nel recente passato della lega, e da queste situazioni erano nate le uscite di scena lo scorso inverno di ben quattro team. Uno, i Crystal Palace Baltimore approdato in quota NASL alla D2, e ben tre che hanno scelto di retrocedersi in PDL ovvero i Bermuda Hogges, i West Mass Pioneers e i Wilmington Hammerheads.

A compensare un declino, sono arrivati proprio i Charleston Battery e in fuga dalle ceneri dell'USL-1 con la dignità  di voler ripianare in un paio di esercizi i debiti pregressi maturati senza voler rischiare la bancarotta dei Cleveland City Stars e dei Minnesota Thunder.

Questo è il secondo titolo dell'USL-2 nella storia del team dopo quello del 1996, di una bacheca in cui spicca anche uno dell'A-League (antenatata dell'USL-1 vinto nel 2003.

La formazione della South Carolina ha vinto con merito sulle altre pretendenti, forte di un divario tecnico e di un sistema di lavoro ben più professionale delle rivali. Solo i Richmond Kickers hanno provato a rincorrerli, compito d'obbligo essendo i vincitori del torneo 2009.

Tra i grandi protagonisti il giovane Lamar Neagle , lo scorso anno in forza ai Seattle Sounders, trasformato in attaccante esterno assai prolifico ed il portiere Tim Melia in prestito dai Real Salt Lake.

Determinanti i contributi del canadese Pierre Rudolph Mayard (in prestito dai Montreal Impact), del difensore esterno Mike Zaher (ex DC ed Earthquakes), del centravanti Rob Heinemann, e dei veterani Ian Fuller e Stephen Armstrong.

____________________________________

Sabato, 29 agosto, 2010 – Blackbaud Stadium, Charleston (South carolina)

Charleston Battery-Richmond Kickers 2-1

Marcatori:
CHA – Neagle (Heinemann) 26'
CHA – Fuller (Heinemann) 52'
RIC – Elcock (Gorres) 73;

Charleston Battery : Tim Melia, OBrian Woodbine, Colin Falvey, John Wilson, Nigel Marples, Stephen Armstrong (Brandon Massie 66, Yeniel Bermudez 89), Alioune Gueye, Ian Fuller, Mike Zaher, Lamar Neagle, Tom Heinemann (Levi Coleman 75);

Non entrati: Keith Wiggans, Josh Bolton, Kevin Jackson, Amaury Nunes;

Richmond Kickers : Ronnie Pascale, William Yomby, Henry Kalungi, Sascha Gorres, David Hertel (Ti Shipilane 52), Bobby Fogelsong (Joseph Kabwe 38), Luke Vercollone, Gerson DosSantos (Ross Mackenzie 80), Mike Burke, Edson Elcock, Matt Delicate;

Non entrati: Chase Harrison, Stephen Nserko, Charlie Reiter, Evan Harding

Arbitro: Jose Carlos Rivero
Assistenti: Eric Proctor, Jeff Muschik
Espulso: Falvey 30
Ammoniti: Woodbine 79, Neagle 83; Burke 83, Yomby 83;

Spettatori: 4,523

Il blog di Giuseppe D'Amico è MLS Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *