Tracy in preparazione per Indy

Paul Tracy lo scorso anno ad Indianapolis

Tra i più attesi "una tantum" per la 500 Miglia di Indianapolis di quest'anno c'è il canadese Paul Tracy, che come l'anno scorso disputerà  la gara alla guida di una Dallara schierata dal KV Racing Technology. Tracy è sempre stato conosciuto per essere una persona dalla lingua lunga, che in passato a volte ha messo in ombra i suoi risultati in pista. Ma quando si parla della 500 Miglia di Indianapolis, il canadese diventa tremendamente serio.

“Quest'anno mi sento più preparato dell'anno scorso”, ha detto Tracy, 41 anni, nono lo scorso anno. “Ovviamente, l'anno scorso l'accordo per correre ad Indy arrivò all'ultimo minuto, circa un mese prima. A questo punto, rispetto all'anno scorso, peso circa 35 chili in meno. Sono stato attento alla preparazione. Ho lavorato tutto l'inverno per essere pronto. Sono stato piuttosto occupato durante la off season. Ho girato uno show televisivo per SPEED Channel. Ho fatto una attenta preparazione con il mio allenatore, sono andato in bici con diverse persone, tutti molto preparati. Ho dovuto spingere al massimo ogni giorno. Di solito passavo due o due e mezza ore sulla bici la mattina e poi un allenamento con un allenatore nel pomeriggio per circa un'ora e mezzo, e sono stato molto attento a ciò che mangiavo.”

Secondo Jimmy Vasser, co-proprietario del team, la perdita di peso farà  la differenza nella ricerca del miglior assetto.

“In IndyCar, il peso del pilota è molto importante”, ha detto Vasser. “Basta pensare alla differenza che ci può essere tra Danica Patrick, che pesa 100 libbre, e Tracy, che ha ammesso che l'anno scorso era sui 240 quando mi aveva detto che era 215. Questo rappresenta un enorme vantaggio. Con i mezzi di oggi, siamo in grado di ottenere dagli ingegneri l'elaborazione dell'effettivo vantaggio nel tempo sul giro, che ad Indianapolis dovrebbe ammontare a circa un decimo e mezzo.”

Per migliorare ulteriormente la preparazione del KV Racing Technology, che quest'anno schiererà  quattro vetture (le altre per EJ Viso, Takuma Sato e Mario Moraes), è stato chiamato un tecnico di grande esperienza come Barry Green, fondatore di quel Team Green che vinse 500 Miglia di Indianapolis e titolo CART con Jacques Villeneuve nel 1995, più altre vittorie con lo stesso Tracy, Dario Franchitti e Michael Andretti, prima di vendere il team al fratello Kim, a Kevin Savoree e Andretti nel 2003, quando questi passò in IndyCar e venne rinominato Andretti Green. Green rivestirà  il ruolo di race strategist di Tracy.

“Paul ed io sentiamo di avere ancora qualche affare in sospeso con l'Indianapolis Motor Speedway”, ha detto Green. “Ho lavorato con John Dick (l'ingegnere capo di Tracy ad Indy) in numerose occasioni e credo che avremo una forte chance di lottare per la vittoria alla Indy 500.”

Tracy ha rivelato che la presenza di Green è stata una sua esplicita richiesta.
“Abbiamo lavorato a stretto contatto quando ero al Team Green”, ha detto Tracy. “Quando Jimmy ed io ci siamo seduti a Long Beach per discutere il nostro piano per la Indy, Jimmy mi ha detto che non poteva essere il mio race strategist come era stato l'anno scorso, e mi ha chiesto di cercare la persona giusta per aiutarmi. Non mi ci è voluto molto a pensare a Barry. Ha la stessa voglia e l'impegno a vincere che ho io. So che abbiamo qualche affare in sospeso allo Speedway.”

Vasser ha aggiunto di essere molto felice di avere la possibilità  di lavorare con Green, contro le cui vetture ha battagliato a lungo nella sua carriera di pilota.
“Paul mi ha chiesto di portare Barry per la Indy 500 e io ero euforico”, ha dichiarato Vasser. “Ho dovuto correre contro la squadra di Barry per molti anni, e non posso che apprezzare la sua competenza.”

Tracy ha trascorso quasi due decenni nell'automobilismo, ma negli ultimi due anni non è riuscito a trovare un sedile a tempo pieno.
“Quando hai passato gran parte della tua vita su una macchina da corsa, è difficile sedersi e guardare le macchine in tv”, ha detto Tracy.

Oltre ad Indianapolis, il canadese sta cercando di trovare la sponsorizzazione per competere nelle due gare canadesi in calendario (Toronto e Edmonton), ed un annuncio potrebbe arrivare nelle prossime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *