Phila agguanta gara 3

Carlos Ruiz, protagonista di gara 3 con un HR e 2 Rbi

Si passa a Philadelphia per gara 3 delle World Series 2008. I Phillies e i Rays sono in perfetta parità : 1-1 e parola al campo.

La partita - gara 3

Il Citizen Bank Park è vestito a festa per la prima partita di World Series dal 1993. Sul monte si sfidano Jemie Moyer per Philadelphia e Matt Garza per Tampa. I lineup sono pressoché invariati dalle precedenti gare ad eccezione dell'inserimento in esterno destro di Gross da parte di Maddon.
Primo inning che vola via liscio per il veterano di Phila. Buon controllo e pubblico in delirio ad ogni strike. Garza soffre invece. I battitori dei Phillies non sono intenzionati a fare regali: singolo di Rollins, il primo di queste World Series, base regalata a Werth, wild pitch che porta Rollins in terza. Utley con una rimbalzante in prima base prende l'out ma porta il compagno a casa: 1-0. Garza tiene bene e porta a termine l'inning senza ulteriori danni. Per come era iniziato decisamente un lusso. Tampa non ci sta e spinge sull'acceleratore aggredendo le basi: Crawford batte doppio, ruba la terza e con il sacrificio sull'esterno centro di Gross pareggia la partita: 1-1.
Il pubblico è il contorno migliore per questa gara 3 e i Phillies lo sanno. Sospinti dal loro entusiasmo non danno peso al punto preso. Garza sembra in controllo, due outs e Ruiz al piatto: breaking ball che non scende e il catcher di Phila la manda sugli spalti:2-1.
Moyer intanto scaccia tutte le nubi che si erano portate su di lui prima dell'inizio del match relative alla sua tenuta e capacità  di gestire una tale pressione. Dal terzo al sesto inning lancia in modo quasi perfetto. I tremendi battitori di Tampa non riescono a prendergli le misure. La zona dello strike sembra assolutamente conquistata da Moyer che concede pochissimo ed inietta fiducia nei compagni. Anche Garza si rimette in carreggiata dopo un inizio difficile. Fantastico il suo quarto inning con tre strikeouts consecutivi. Ma il sesto diventa devastante per lui. Due homeruns consecutivi di Utley e di Howard, primo in post season per lui, riportano i Phillies avanti di tre punti. La folla è incontenibile e i ragazzi terribili di Tampa ne risentono. Ma non ci stanno ad arrendersi così presto. Manuel ripropone Moyer anche per il settimo, forse sbagliando. Crawford, ancora lui, vola in terza sul doppio di Navarro. Gross, di nuovo lui, con un rimbalzante viene eliminato in prima ma porta a casa Crawford e Navarro in terza:4-2. Un'altra rimbalzante di Bartlett spinge Navarro per il 4-3 Phila. Partita ancora aperta. Bradford al posto del partente Garza fa il suo lavoro e tiene a zero i punti per Phila nell'ottavo inning.
Con Madson sul monte Philadelphia si smarrisce leggermente. Upton raggiunge la seconda. Madson
teme la sua velocità . E fa bene. Caricamento del pitcher, scatto di Upton velocissimo verso la terza, Ruiz riceve il lancio e senza pensarci due volte spara verso Feliz, palla fuori dal guanto, B.J. se ne accorge e come un fulmine si dirige verso casa base: salvo! Partita riagguantata per Tampa: 4-4.
Ma le emozioni non finiscono qua. Nono inning impalpabile per le mazze dei Rays. Ultima possibilità  per i Phillies. Bruntlett viene colpito da Howell che subito dopo lascia il posto a Belafour. E qui Tampa si suicida. Wild pitch del pitcher nuovo entrato, Bruntlett corre in seconda, Navarro decide di provare l'eliminazione ma il suo tiro è da dimenticare e permette a Bruntlett di arrivare fino in terza. Occasione d'oro per i padroni di casa. Maddon decide di dire ai suoi di riempire le basi per renderle obbligate e manda Victorino e Doobs in seconda e prima. Al piatto un Ruiz decisamente caldo in questa serata. Il catcher di Phila gira la mazza, la palla viaggia lenta verso la terza base e Longoria in tuffo disperato cerca l'assistenza a casa base. Nulla di fatto. I Phillies segnano: 5-4 e pubblico in visibilio!

Gara emozionante fino alla fine quella di ieri notte. Si aspettavano risposte in particolar modo dai pitchers e queste sono arrivate soprattutto da Moyer che ha tenuto forse più di quanto ci si sarebbe aspettato. Garza ha faticato non poco anche se per diversi inning il risultato è rimasto in bilico sul 2-1 Phila. Tampa ha dimostrato di essere presente anche se sconfitta. La rimonta aveva illuso i ragazzi di Maddon che il più fosse fatto. Gli errori del nono inning indicano però che la pressione è difficile da controllare anche da chi è forte.
Philladelphia ritrova Rollins che va finalmente 2-4 e una parte del vero Howard che batte un solo shot che segue quello del sempre affidabile Utley.
L'attacco dei Phillies sembra assolutamente in palla e questo vuol dire molto, ma hanno anche trovato, forse inaspettatamente, un gran pitching. La combinazione, come sappiamo, potrebbe essere letale per gli avversari.

Questa notte gara 4. Sonnastine per i Rays, Blanton per i Phillies. Pronostico impossibile. Partita tutta da gustare.

Philadelphia Phillies - Tampa Bay Rays 2-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *