BIG XII 2010 preview: North Division

Jared Crick, n. 94, è il nuovo top defender di Nebraska dopo la partenza di Suh per la Nfl.

Nebraska Cornhuskers

Recruiting:
Per due anni gli Huskers hanno stentato parecchio nella North Division finendo sempre al secondo posto dietro Missouri, ma il grande lavoro svolto da coach Pellini e il suo staff ha finalmente dato i suoi frutti ottenendo molti giocatori JUCO (junior college). Se il recruiting del 2009 era stato molto buono, quello del 2010 lo è altrettanto: il T Jamarkus Handrick è una montagna (6'7, 325lbs) che in virtù dell'esperienza accumulata nel junior college sarà  gettato nella mischia sin dalla prima partita, altro uomo di linea con esperienza in junior college è il T Andrew Rodriguez, che a dispetto di Handrick, è tecnicamente ancora grezzo ma con altrettanta esperienza. Sempre in difesa i pezzi migliori sono il LB Lavonte David (JUCO) il DB Corey Cooper, talento puro tra i migliori nel suo ruolo, e il DE Chase Rome. L'attacco non è stato certo tralasciato, il RB Braylon Heard e il TE Chase Harper avranno molto spazio nel prossimo anno dato che i titolari (il RB Helu e il TE Young) sono all'ultimo anno, il pezzo migliore resta il QB Brion Carnes, letteralmente strappato all'agguerrita concorrenza delle maggiori squadre della Florida, per accasarsi alla corte di Pellini.
Come è risaputo, Nebraska al termine della stagione 2010 lascerà  definitivamente la BIG XII con destinazione BIG X (Ohio State, Penn State, Iowa, Michigan), un tentativo estremo per gli Huskers di tornare ai fasti degli anni '80.
Attacco:
Che l'attacco sia una caratteristica tipica della BIG XII è ormai noto, e sotto questo aspetto Nebraska, pur terminando la stagione 10-4 con il Bowl dominato contro Arizona, ha ampiamente deluso se non regredito. Con [Zac Lee (58,6%, 2143 yds, 14 TD, 10 INT) in cabina di regia i gli Huskers sono passati da 35 punti segnati di media a 25, da 280 yards lanciate di media a 176, anche il gioco di corse, nonostante la presenza di un ottimo RB come Roy Helu (1193 yds, 10 TD, AVG 5.2), ha anch'esso avuto una lieve flessione, in questo reparto ci sono altri validi RB come Rex Burkhead, usato però col contagocce . Le alternative a Lee sono ristrette a Cody Green (TOP recruit 2008) scelto per la sua strepitosa stagione nell'ultimo anno all' high school, la OL ha tantissima esperienza accumulata in anni di battaglie e concede pochi sack, ma il parco dei WR è appena apprezzabile, solo Nile Paul ha in velocità  e accelerazione le sue doti migliori (tanto da essere anche schierato negli special team), rimane l'elemento di spicco in un attacco che ha assoluto bisogno di ritrovarsi.
Difesa:
Se l'attacco ha stentato nel produrre numeri apprezzabili, la difesa viceversa ha avuto le statistiche migliori dal 2001, concedendo agli avversari solo 10,4 di media a partita, sulle corse in particolare le statistiche prodotte sono impressionanti: 93 yards a partita con una media di 2.8 a portata, l'incontrastato dominatore di questa difesa era il DT Ndakumong Suh, e sostituirlo non sarà  compito facile. Tante sono le incognite per la stagione 2010, 4/5 dei migliori placcatori sono partiti con destinazione NFL (Suh, Asante, Dillard), ma i 4 DL sono il miglior reparto della difesa con un'altezza media di 6'6, Jered Crick (73 tkl, 9,5 sack) fisico impressionante, molto agile nonostante la stazza è l'ideale sostituto di Suh, ad affiancarlo come DT c'è Baker Steinkhuler tra i migliori nel ruolo in tutta la Big XII, ai DE Pierre Allen e Cameron Meredith il non facile compito di mettere sotto pressione le OL avversarie con continuità  ed efficacia.
La secondaria ha in Prince Amukamara (64 tkl, 5 INT) il suo elemento migliori, atleta spaventoso con un innato senso della posizione ha elevato il livello dei compagni di squadra, il CB Alfonzo Dennard e il S DeJon Gomes sono attesi per una stagione ad alto livello, d'altronde se non si possiede una buona secondaria è difficile competere contro squadre dal gioco aereo esplosivo (Texas, Oklahoma, Missouri) tutte squadre che Nebraska dovrà  affrontare nella prossima stagione che si prospetta tutt'altro che in discesa.
Predication: 8-4

Kansas Jayhawks/Colorado Buffaloes

Recruiting:
L'era Mangino, nonostante 8 stagioni con buoni risultati e due Bowl consecutivi vinti, è terminata nel peggiore dei modi, con spogliatoio spaccato e tifosi inviperiti, tale ambiente non poteva certo attrarre fiori di campioni, i nomi di spicco, quasi tutti in attacco, si contano sulle dita di una mano. Il WR Keeston Terry uno tra i migliori nello stato del Missouri, il RB Brandon Burbon potrebbe da subito beneficiare degli ottimi risultati ottenuti con i running back dal nuovo coach Turner Gill a Buffalo. In virtù della partenza con destinazione PAC 10, Colorado, a dispetto di Kansas, ha effettuato un ottimo recruiting facendo incetta nello stato della California, il QB Nick Hirshman ha destato ottime impressioni nei primi allenamenti, il WR Paul Richardson, tra i migliori talenti nel suo ruolo, avrà  presto le sue chance, i RB Tony e Trea Jones potrebbero approfittare degli infortuni del titolare Stewart. In difesa spiccano il CB Jered Bell e il LB Evan Harringhton, entrambi potrebbero trovare presto spazio visto che la difesa dei Buffaloes è tutt'altro che dominante.
Attacco:
Attacco vuol dire Todd Reesing, o meglio voleva dire Reesing: il talentuoso QB ha lasciato Kansas con oltre 11.000 yards lanciate in 4 splendidi anni, il sostituirlo in cabina di regia potrebbe essere Kale Pick che nonostante qualche buona partita, ne è solo una brutta copia, anche Jordan Webb buon atleta e buon braccio, lotterà  per una maglia da titolare. L'assenza di Reesing costringerà  coach Gill a far maggior uso delle corse, il RB Toben Opurum (577 yds, 9 TD) verrà  maggiormente usato anche in recezione, la OL, tra le migliori in tutta la Conference sia per esperienza (oltre 100 partite) che per profondità , avrà  un ruolo determinante per la nuova stagione nel proteggere il QB ma anche di aprire ampio varchi per il running game. Se la situazione QB lascia perplessi, i ricevitori lo sono altrettanto, la partenza di Briscoe è davvero pesante, Jonathan Wilson sarà  il target n°1 ma deve dimostrare di essere un go-to-guy receiver, mentre Bradley McDougald è il classico slot receiver con buone mani ma spesso discontinuo.
Colorado dell'era Hawkins ha un gioco molto bilanciato tra passaggi e corse, ma nella redzone i Buffaloes stentato moltissimo, sia Tyler Hansen (1440 yds,8 TD, 7 INT) che il figlio del coach Cody Hawkins (1277 yds, 10 TD, 11 INT) hanno palesato notevoli difficoltà  nel condurre la squadra specie nei momenti chiave della partita, in questo influisce una OL incapace di difendere il QB dalla pressione della difesa avversaria (44 sacks concessi), sia di creare spazio per le corse (88 yds di media a partita con 2,8 per portata, le peggiori statistiche dal 2003). Il RB Rodney Stewart (5'6-175lbs, 872 yds, 9 TD) prematuramente infortunato la scorsa stagione, non è in grado di correre per 20-25 portate a partita, ma nel ruolo ci sono poche alternative, nel reparto ricevitori Scotty McKnight (893 yds, 6 TD), Toney Clemons e Markques Simas attendono con ansia un QB capace di lanciare con costanza, precisione ed efficacia.
Difesa:
Con la partenza di coach Mangino, era inevitabile che Kansas cambiasse assetto anche in difesa dalla famosa 4-2-5 efficace contro i passaggi ma inutile contro le corse, alla ben più efficiente 4-3 assetto che meglio si adatta ai giocatori attualmente a disposizione di coach Gill.
La linea difensiva può contare su buoni elementi, il DE Jake Laptad (50 tkl, 6,5 sack) è giocatore ideale per la 4-3, veloce e molto atletico, attrae spesso raddoppi consentendo ai compagni maggiori libertà  d'azione, Gill stravede per il DT Richard Johnson, spesso infortunato, che non ha torto lo ritiene fondamentale per la difesa. Il reparto LB è capitanato da Drew Dudley (88 tkl) considerato tra i migliori di tutta la BIG XII, mentre la secondaria pur avendo perso pezzi importanti ha nel CB Chris Harris e nel S Lubbock Smith i suoi elementi di spicco.
Colorado ha perso 4 dei migliori placcatori della squadra, ed è presumibile che le statistiche dell'intera difesa subiranno un'ampia flessione, ai due DE titolare, Nick Kasa e Curtis Cunningham, spetta il compito di portare costante pressione all'attacco avversario, ma se i LB non sono niente di speciale, la secondaria ha invece tanto talento, esperienza e velocità  per mettere in difficoltà  qualunque attacco. I due CB, Jalil Brown (66 tkl, 2 INT) e Jimmy Smith (70 tkl, 2 INT) hanno presto sbaragliato la concorrenza diventando inamovibili, lo stesso dicasi del S Anthony Perkins (78 tkl, 2 INT) non molto veloce ma molto più efficace contro le corse che contro i passaggi.
Predication:
Kansas 6-6
Colorado 4-8

Missouri Tigers

Recruiting:
Gary Pinkel è un esperto reclutatore e il suo staff nel corso degli anni ha saputo scovare e reclutare giocatori che hanno dato tante soddisfazioni (Daniel, Coffman, Maklin, Wheatherspoon per citarne alcuni) il recruiting 2010 è iniziato e finito col botto.
In attacco arrivano due ottimi QB, James Franklin e Tyler Gabbert sono tra i TOP 25 della nazione, i WR Jamie Hunt e Marcus Lucas potrebbero già  essere titolari all'inizio della stagione se durante il training camp sapranno confermare le aspettative, altrettanto dicasi per il T Nick Demien talento conteso da mezze squadre della BIG XII, che alla fine ha deciso di giocare per la sua squadra del cuore. Anche la difesa ha ricevuto un deciso upgrade, il DE Kony Ealy e i CB Tristen Holt e E.J Gaines vanno a rinforzare un reparto tra i migliori di tutta la BIG XII, Daniel Esterly ha impressionato sin dai primi allenamenti, le sue qualità  atletiche gli permettono di ricoprire più ruoli sia in attacco che in difesa, starà  a coach Pinkel trovargli la giusta posizione.
Attacco:
Che ai Tigers piaccia lanciare è ormai arcinoto, Chase Daniel ha lasciato Missouri come leader assoluto per yards lanciate (oltre 12.000), Blaine Gabbert (58.9%, 3593 yds, 24 TD, 9 INT) ne ha ereditato la maglia stupendo in più di un' occasione, l' OC David Yost ha perfettamente adattato lo spread offense (4-5 WR, no TE-FB, 1 RB) sulle sue indiscutibili qualità : freddezza, decision making, un bel braccio che gli permette qualunque tipo di lancio, ma nonostante le ottime premesse, le maggiori statistiche sono arrivate contro squadre di medio livello (Furman, Colorado, Kansas State, Illinois) ed ha invece stentato con difese decisamente più forti (Texas, Nebraska, Iowa). In un attacco che ama lanciare è necessaria la presenza di WR veloci e con ottime mani che siano in grado di ricevere qualunque passaggio, per questo l'assenza di Danario Alexander (leader NCAA con 1781 yards ricevute nel 2009) è pesantissima, Jerrell Jackson e Wes Kemp non hanno le qualità  di Alexander, ma possono avere un ruolo determinate per la nuova stagione, la pari del TE Andrew Jones per il quale si prevede maggiore impiego.
Gli schemi offensivi non prevedono l'uso intensivo di un RB (2009: 127 yds di media, 3,7 yds per portata, le peggiori statistiche dal 2003) ma la presenza di Derrick Washington (909 yds, 10 TD) non può essere tralasciata, alla OL, guidata dal C Tim Barnes, il compito di creare ampi varchi per le corse con continuità .
Difesa:
La 4-3 di Missuori ha trovato col tempo un suo equilibrio, la difesa nel suo complesso si ripresenta intatta e con maggiore esperienza rispetto allo scorso anno, l'All American Aldon Smith (64 tkl, 11.5 sacks) ne è il leader indiscusso, il NT Dominique Hamilton, dopo una stagione altalenante, sarà  chiamato ad avere un ruolo ben più importante dello scorso anno.
Il playbook difensivo prevede una costante pressione dalla DL e i blitz continui dei LB che è il reparto più importante della difesa dei Tigers, Andrew Gacachkar (80 tkl) e Will Ebener (78 tkl) sono fondamentali per gli schemi di coach Pinkel, Zaviar Gooden è il primo candidato per sostituire Weathrspoon come MLB, e se da un lato DL e LB portano pressione sull'attacco avversario, la secondaria a maggiori possibilità  di effettuare Big Plays. Proprio in questo reparto, nonostante le tante potenzialità , sono arrivate le delusioni maggiori (solo 7 intercetti), i CB Carl Gettis (molto utilizzato anche negli special team) e Kevin Rutland ,per caratteristiche fisiche, sono più portati a stoppare le corse anziché fermare io gioco aereo degli avversari, starà  a coach Pinkel motivare i suoi giocatori per disputare una stagione da protagonisti.
Predication: 8-4

Kansas State Wildcats/Iowa State Cyclones

Recruiting:
Bill Snyder ha compiuto uno dei tanti miracoli che costellano il mondo del college football, portando il derelitto programma dei Wildcats, (provenienti dalle stagioni '87-'88 disastrose con zero vittorie) a ben 11 Bowl in altrettante stagioni, in 5 di queste indimenticabili stagioni Kansas State è andata ad un passo dalla finale per titolo. Lo staff dei Wilcats da sempre crede molto nei giocatori che provengono da junior college, il DE Adam Davis ,tra i top prospect nel Kansas, il DT Javonta Boyd, la G Jordan Allred, ma soprattutto il CB Matthew Pearson, sono tutti elementi possono giocare da titolari coniugando nel giusto mix esperienza, talento e voglia di emergere, tra i non JUCO non possiamo dimenticare il RB Demarcus Robinson, il futuro erede di Daniel Thomas, e il QB Billy Cosh in lotta già  dall' estate per un una maglia da titolare. Iowa State ha beneficiato della buona stagione 2009 conclusasi con un record di 7-6, ma lottare nel recruiting con le corrazzate della BIG XII (Texas, Oklahoma, Nebraska) è davvero dura, per questo lo staff dei Cyclones rivolge le sue attenzioni in altri stati facendo incetta di giocatori JUCO. I DB Anthony Young, Adrian Bennett sono stati scovati in Texas e California, il WR Chris Young, il TE Rick Howard e il T Jon Capers sono tra i prezzi pregiati per Iowa State, da questi giocatori ci si attende molto nella stagione alle porte.
Attacco:
Bill Snyder ha portato Kansas State ad avere uno degli attacchi più pericolosi di tutta la Big XII, con Josh Freeman come QB Kansas State segnava mediamente 35 punti a partita, senza di lui tutto l'attacco è crollato segnando solo 23 punti di media nel 2009, sia Carson Coffman (spedito in panchina dopo l'orrenda prestazione contro Luisiana) che Grant Gregory non hanno saputo rendere fluido ed efficace il passing game dei Wildcats, i due JUCO WR Chris Harper (Oregon) e Brodrick Smith (Minnesota) sono finalmente operativi, da loro Snyder si aspetta un deciso miglioramento nel gioco aereo. Se offensivamente non si riesce a lanciare il gioco, di corse rimane l'unico modo per metter punti nel tabellone, fortuna vuole che Kansas State abbia il miglior RB di tutta la BIG XII, b]Daniel Thomas (1290 yds, 11 TD, AVG 5.1) è s stato tra i più talentuosi JUCO nel 2008 e dal primo giorno di allenamento si è capito quanto fosse speciale, a sostenerne le prestazione c'è una delle OL più esperte della Conference con ben tre Seniors.
Iowa State nonostante la buona stagione ha visto crollare le proprie statistiche offensive, segnando poco più di 20 punti a partita, il QB Austin Arnaud (2015 yds, 14 TD, 13 INT) ha alternato buone partite ad altre inguardabili (Iowa, Kansas) completando meno del 60% dei passaggi effettuati, i WR Jake Williams e Darius Darks sono buoni elementi la l'incostanza del gioco aereo ha influito negativamente sulle loro prestazioni. Come per Kansas State il running game rimane l'unico modo per segnare, Alexander Robinson (1232 yds, 6 TD, AVG 5,2) è stato di gran lungo il miglior giocatore dell'attacco dei Cyclones, sfruttando una buona OL, grazie a lui Iowa State ha vinto partite importanti (Army, Baylor, Colorado), lecito aspettarsi un uso altrettanto inteso del gioco di corse per la prossima stagione.
Difesa:
La 4-2-5 di coach Snyder ha sempre sortito i suoi effetti nel corso degli anni, i Wildcats hanno concesso agli avversari 23,3 punti di media (contro i 36 del '08), e se la difesa è notoriamente efficace contro i passaggi, nella stagione 2009 lo è stata anche contro le corse, il S b]Emmanuel Lamur (68 tkl, 3 INT) è il vero playmaker della difesa di Kansas State, attorno a lui Snyder ha costruito una squadra reattiva, veloce e soprattutto efficace.
Se la secondaria è fondamentale per i Wildcats, lo è altrettanto la linea di difesa, il DE Brandon Harold, infortunato prematuramente ad inizio stagione, il cui recupero è fondamentale e il DT Prizell Brown, nonostante manchi di stazza, sono titolari inamovibili, il vero punto debole resta il reparto dei LB, sufficiente contro le corse ma inefficace in copertura.
I Cyclones segnano poco e, pur subendo col contagocce, sono attesi ad una stagione di transizione tenendo conto della perdita di mezza difesa, ai DE Rashawn Parker e il NT Bailey Johnson verrà  richiesto un maggior impegno già  in prestagione, il reparto LB è quasi del tutto nuovo, coach Rhoads si aspetta molto dal nuovo MLB Matt Tuo'fo'uo tra i migliori JUCO del 2009.
La secondaria ha stupito lo stesso Rhoads, ma seppur il reparto abbia a roster due ottimi elementi come il S David Sims e il CB Leonard Johnson, i Cyclones ha subito oltre 250 yards a partita subendo pesantemente contro attacchi esplosivi (35 punti contro Texas A&M, 34 da Missouri, 24 Kansas State), ma come insegnano anche a scuola, senza una grande difesa non si vince granchè.
Predication:
Kansas State 7-5
Iowa State 4-8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *