Terzo Incomodo color Blue

Il GM J.P. Ricciardi ha davvero messo su una bella squadra!

A distanza di 13 anni dall'ultima apparizione playoff, i Toronto Blue Jays tornano a sognare un posto playoff. Ormai abituati da anni a parlare del dualismo tra Red Sox e Yankees, ci siamo scordati della squadra canadese.

Dopo 68 partite disputate i Blue Jays hanno un bilancio di 37 vittorie e 31 sconfitte. 3 vittorie in piu' rispetto allo stesso periodo del 2005, trovandosi ora a solo 2 partite dalle capoliste New York e Boston.

Forza motrice e trainante di questa squadra è sicuramente l'attacco, che ha segnato 375 punti (70 in piu' rispetto allo stesso periodo del 2005), secondo solo agli Yankees in tutta la MLB.

Glaus, Bengie Molina, Overbay sono i pezzi nuovi dell'attacco che il General Manager J.P. Ricciardi ha aggiunto ai già  confermati Vernon Wells, Catalanotto, Rios e Hillenbrand.

Il reparto esterni ha collezionato la bellezza di 150 RBI, 40 HR, battendo con una media di .336. Mentre i due catcher Molina e Zaun hanno battuto rispettivamente .293 – 5 HR – 16 RBI il primo e .336 – 6 HR – 19RBI il secondo.

A fianco del solito devastante Vernon Wells con 56 RBI – 17 HR – media battuta .323 e Slugging % .615, la rivelazione dell'attacco stellare di Toronto è sicuramente Alex Rios.

Rios, alla sua terza stagione in MLB, a due mesi e mezzo dall'inizio del campionato ha già  devastato le sue statistiche degli anni precedenti. Ha gia' collezionato 15 HR, 5 in piu' dell'intera stagione scorsa, e 49 RBI, battendo un impressionante .331 con Slugging % .612.

Non da meno sono Glaus, Overbay e Catalanotto. Il primo batte con una media inferiore rispetto ai compagni di squadra (.252) ma guida la squadra con 20 HR e 52 RBI.
Il DH Hillenbrand si guadagna il suo spazio con 33 RBI – 11 HR e una media di .321 al piatto.

Meno decisivi sono stati i lanciatori partenti. Capitolo a parte per l'impressionante Roy Halladay con un record personale di 8 vittorie e 1 sconfitta, un'ERA di 2.75 e gia' 3 gare completate in 13 partenze.

A reggere il passo di Halladay ci ha provato Gustavo Chacin che ad inizio anno è partito lanciatissimo, ma poi ha rallentato il passo ed ora ha 6 vittorie e 2 sconfitte. Calo che è stato inevitabilmente influenzato dagli svariati viaggi fatti in DL.

In attesa del rientro prossimo dell'asso A.J. Burnett, che ha disputato solo due partite e ancora deve vincere la sua prima partita del 2006, i Blue Jays si affidano ad un bullpen che pur avendo un'ERA complessiva al di sopra del 6.00 ha collezionato un record positivissimo di 11 vittorie e 3 sconfitte.

In particolare l'acquisto dell'anno, il closer B.J. Ryan, si è rivelato consono alle aspettative con 17 salvezze su 18 oppurtunità  ed un'ERA di 0.55.

Infine nota dolente di questa squadra sembra essere l'incapacita' di vincere lontano da casa. Il record negativo di 14 vittorie e 17 sconfitte fuori casa non vede neanche in lontananza la potenza delle 23 vittorie sul proprio terreno casalingo.

Possiamo quindi dire che tutti gli sforzi del General Manager J.P. Ricciardi di dare una squadra competitiva alla citta' di Toronto ed al suo Manager John Gibbons sono finora risultati positivi.

Resta ora da vedere quanto lontano riusciranno ad andare i Blue Jays, specialmente considerando che in AL Central Detroit e Chicago volano alla grande e la possibilità  di ottenere la Wild Card sembra quindi lontanissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *