Un uomo solo al comando

La tripla che consegna il Three-peat ai Bulls. Firmata John Paxson.

Erano il mio personalissimo banco di prova. Li ho vissuti dall'inizio alla fine come una vera e propria sfida personale. Se nasci con un forte spirito competitivo, cerchi nuove sfide in ogni cosa che fai, in ogni gesto che compi, in ogni momento della tua vita. Mentirei se dicessi che non adoro le sfide. Durante qui playoffs, le cercavo ogni notte, in ogni singola partita”

Inutile persino dirlo. A parlare è Michael Jeffrey Jordan.
Con queste parole, anni dopo, racconterà  lo stato d'animo con cui ha vissuto gli interi playoffs del 1993. Tra i più belli di sempre.

I Bulls avevano superato nella finale della Eastern Conference i Knicks dopo esser stati sotto per due a zero.
Jordan, sepolto vivo dalle critiche, per la nottata passata al casinò di Atlantic City prima di gara due, era esploso nella quarta partita, realizzando 54 punti e trascinando i suoi alla vittoria.

Nella decisiva gara 5 aveva messo a segno una tripla doppia. Aveva tenuto a galla i Bulls, segnando 17 punti consecutivi in 13 lunghissimi minuti di black ut assoluto da parte dei suoi compagni. Aveva rifilato due delle quattro stoppate consecutive a Charles Smith (le altre due di Pippen) con cui Chicago aveva chiuso la gara e la serie.

L'ultimo ostacolo prima dell'anello era adesso rappresentato dai Phoenix Suns, in una serie che aveva tutte le caratteristiche per passare alla storia.

Da un altro Phoenix, col miglior record della lega (62 vittorie e 20 sconfitte) e col fattore campo a favore. Dall'altro i duplici campioni di Chcago.
Da un lato Pippen e Grant, inseriti rispettivamente nel primo e nel secondo quintetto difensivo, dall'altro Kevin Johnson e Danny Ainge.
Da un lato BJ Armstrong, vincitore in stagione della classifica del tiro da tre, dall'altro il bombardiere Dan Majerle.

Ma il confronto veramente da brividi era quello fra i due migliori giocatori del pianeta. Charles Barkley contro Michael Jordan.
Sir Charles (25,6 punti e 12,2 rimbalzi in regular) aveva appena strappato ad MJ il terzo trofeo consecutivo di MVP stagionale, imponendosi di stretta misura proprio sul numero 23. Michael aveva promesso vendetta in finale e si era “consolato” col settimo titolo consecutivo di miglior marcatore della lega (record di Chamberlain eguagliato).

A dare più enfasi a quella che si prospettava una vera e propria serie infuocata, c'era la possibile tripletta dei Bulls. Una tripletta che non riusciva nella lega da ventisette anni, dai tempi dei gloriosissimi Celtics di Williasm Felton Russell.
Una sfida nella sfida per MJ.
Inutile persino chiedersi quale ne sarebbe stato l'esito. Parafrsando Marco Ferretti, che in una famosissima radiocronaca cicilistica, celebrò così la vittoria di Coppi al giro di Italia del 1947, potremmo riassumere quella finale con la storica frase “un uomo solo al comando”.

MJ eguagliò il record di Jerry West e Rick Barry, segnando oltre trenta punti in ogni singola gara della serie. Ma non si limitò a questo. Segnò oltre 40 punti in quattro delle sei partite di finale. Ne realizzò 55 in gara 4. Chiuse la serie con la media di oltre 41 punti per gara. Record assoluto, (ovviamente) tuttora ineguagliato.
Portò i Tori alla tripletta e fu lo scontatissimo MVP delle finali per la terza volta consecutiva.

“Cosa dovrei dire? Non ci sono parole. E' il più grande giocatore di sempre” affermò Kevin Johnson al termine di gara 6.

“Michael ha voluto scavare un solco fra lui e gli altri grandissimi campioni del passato. Un solco che difficilmente qualcuno riuscirà  mai a colmare!” dichiarò Scott Williams.

Eppure quella finale non era cominciata certo bene per il numnero 23.
Già  durante la serie con i Knicks, la pressione e l'interferenza dei giornalisti nella sua vita privata e nei suoi problemi con il gioco d'azzardo, avevano raggiunto livelli altissimi.

A gettare benzina su un fuoco che non accennava ad estinguersi, il giorno prima di gara 1, era stato pubblicato il libro di Richard Esquinas, ex amico di Jordan, in cui l'autore, afflitto da enormi debiti di gioco, raccontava tutti i retroscena delle sue sfide a golf con Michael, svelando che dietro quelle innocenti partite si nascondevano in realtà  scommesse per considerevoli somme di denaro.
Su ogni buca, su ogni singolo colpo, erano in palio fino a centomila bigliettoni verdi, e i debiti che Jordan aveva maturato nel tempo, avevano raggiunto la stratosferica cifra di un milione e mezzo di dollari.

Il libro fece breccia nell'opinione pubblica come non mai e fu subito un nuovo scandalo. La vita privata di MJ venne passata al setaccio dai network americani. La stampa premeva perché Jordan riconoscesse di avere gravi problemi col gioco d'azzardo.

Michael interruppe il silenzio stampa (iniziato subito dopo le gravi accuse seguite alla fuga di Atlantic City) e registrò una lunga intervista per la NBC che andò in onda nell'intervallo di gara 1.
MJ ammise di aver perso dei soldi giocando a golf con Esquinas, ma dichiarò che la cifra totale non era assolutamente vicina a quella apparsa sul libro.
Su pressione di David Stern dopo gara 1, MJ si consegnò in pasto alla stampa e rimase un'ora a rispondere a domande che giammai riguardarono la partita, ma solo ed esclusivamente il gioco d'azzardo, il golf, i debiti, Richard Esquinas.

Eppure gara 1 era stata una notevola prova di forza di Chicago.

Horace Grant aveva segnato 11 punti solo nel primo quarto, trascinando i suoi ad un parziale di 34 a 20. Nella seconda frazione, Chicago aveva addirittura gonfiato il suo vantaggio, prima di una parziale rimonta dei Suns.
Poi Michael aveva segnato 14 dei suoi 31 punti nel quarto periodo. Pippen ne aveva messi 27 complessivi e i Bulls si erano imposti bene per 100-92, contenendo al meglio Charles Barkley.
La serie era appena iniziata e già  Phoenix aveva perso il fattore campo.

Gara 2 diventava la più classica delle “must win game” per i Suns.
Barkley giocò una partita grandissima, segnò 42 punti e prese 13 rimbalzi, ma Kevin Johnson e Dan Majerle furono annullati dalla difesa dei Bulls.
Pippen andò in tripla doppia e stoppò il tiro del pareggio di Ainge. Jordan segnò 42 punti e Grant 24. 111-108, Bulls. Serie sul 2 a 0.
Chicago era la prima squadra della storia a vincere le prime due partite di una finale in trasferta.

La serie si trasferì nell'Illinois, dove il tema del giorno era cambiato. Dai debiti di gioco di MJ al possibile e favoloso sweep.

Nessuno immaginava che gara 3 sarebbe stata una grandissima battaglia, di quelle che, definendole storiche, di certo non si sbaglia.
Il coach dei Suns, Paul Westphal, tolse a Majerle la marcatura di Jordan, spostandolo su Pippen e mise il play Kevin Johnson a seguire Michael.

I primi tre quarti della partita furono equilibratissimi. La terza frazione di gioco si chiuse sull'86-85, Phoenix.
Ma nel quarto periodo Jordan fece 0 su 10 al tiro. A 7 primi e 33 secondi dalla fine del match, i Suns conducevano di 11. I Bulls misero a segno un parziale di 15 a 4, con cui riuscirono ad impattare la partita alla fine del tempo regolamentare.
Il primo supplementare si chiuse ancora in parità . Nel secondo i Bulls sembrarono allungare, ma Jordan sbagliò il tiro libero del più cinque. Poi Sir Charles da sotto e ThunderDan da fuori, pareggiarono. Nel terzo supplementare i Suns chiusero con un parziale di 9-0 e vinsero per 129 a 121.

Jordan aveva messo 44 punti. Kevin Johnson aveva giocato 62 minuti dei 63 disponibili e chiuso con 25 punti e 9 assist. Majerle aveva messo 6 canestri da tre. Barkley aveva realizzato 24 punti e catturato 19 rimbalzi.

Paul Westphal era stato uno dei protagonisti dell'altro storico match di finale, terminato al triplo overtime: gara cinque del 1976, fra gli stessi Suns e i Celtics.
Quando nel dopo-partita, la stampa gli chiese quali erano state le differenze fra i due match, Westphal rispose: “Questa volta hanno vinto i buoni!”.

Il giorno dopo i 24 tiri sbagliati in gara 3 e lo 0 su 10 dal campo nel quarto periodo, Peter Vecsey, la penna più popolare d'America, parlò in un suo articolo di primi segnali di cedimento per Michael Jordan.

MJ rispose il giorno dopo, con 54 punti in gara 4 ed il canestro risolutivo in penetrazione, su cui Barkley commise anche fallo per un gioco da tre punti.
Quella personalissima partita che MIchael condusse dalla palla a due fino alla sirena, per molti è stata una delle più grandi prestazioni della sua cariera. Nessun Suns riuscì mai a limitarlo, tirò con 21 su 37 dal campo, trascinando letterlamente di peso i Bulls alla vittoria per 111-105 e rendendo vana l'incredibile partita di Sir Charles (32 punti, 12 rimbalzi e 10 assist).

La serie era adesso sul 3 a 1. L'unica sconfitta dei Bulls era maturata dopo un triplo supplementare. Sembrava dovesse essere la fine per Phoenix.

Gara 5 fu preceduta dai ripetuti appelli delle televisioni di Chicago a festeggiare il titolo in maniera civile, rispettando la città , le macchine ed i negozi.

Poco prima della gara, Barkley dichiarò che aveva fatto un giro per Michigan Avenue e aveva avuto l'impressione di trovarsi in una città  fantasma. Nessuno per strada. Poche macchine parcheggiate. Tutti i negozi sbarrati.

Quando i Suns si imposero sorprendentemente in gara 5 Charles commentò ironicamente: “Potere tirar su le saracinesche! Abbiamo salvato Chicago!”

In gara 5, Jordan aveva segnato 42 punti, Pippen 21 ma gli altri Bulls erano sembrati stanchi. Grant aveva messo un solo punto, rimanendo completamente estraniato dal gioco e dominato da Barkley. I Suns avevano stravinto la battaglia a rimbalzo. La serie prendeva improvvisamente tutt'altra direzione.

Per vincere il titolo Chicago avrebbe dovuto tornare ad imporsi in Arizona. Non un'impresa disperata, considerando che vi erano già  riusciti nelle prime due gare della serie, ma gara 5 aveva evidenziato un evidente stato di stanchezza fisica e psicologica di tutti i Bulls.
D'altro canto, a Phoenix si iniziava a credere veramente nella grande impresa. I Suns al rientro in città  furono accolti dal seimila tifosi festanti. Barkley commentò che erano la squadra del destino e che Dio era dalla loro parte.

I Bulls erano consci che per vincere il titolo, si sarebbero dovuti imporre nella sesta partita. Se la serie fosse andata sul 3 a 3, non sarebbero usciti indenni da una gara sette all'America West Arena.

Il primo quarto di gara sei fu quasi un'esibizione al tiro dalla distanza per i Bulls.
BJ Armstrong per due volte, Jordan per due volte, e Trent Tucker portarono Chicago a chiudere la prima frazione sul 37 a 28.

Nel secondo quarto i Suns provarono a rimontare guidati soprattutto da Ainge, ma i Bulls ressero l'urto e andarono all'intervallo sul 56 a 51. Per MJ 5 su 8 dal campo e 16 punti complessivi.

Ma nel terzo periodo emerse tutta la stanchezza che Chicago aveva accumulato nel corso di una stagione e più in generale di un triennio estenuante.
I Suns furono più volte sul punto di completare la rimonta e solo la precisione dalla distanza dei Bulls lo impedì.

A sei minuti dalla fine del terzo periodo, Paxson riportò Chicago sul più sette con una tripla. Chambers, lanciato tutto solo a canestro da un assist di Johnson, sbagliò un incredibile schiacciata, cogliendo il ferro e sull'azione successiva BJ Armstrong ancora da tre, regalò il più 10 a Chicago. I Bulls erano 9 su 12 dalla distanza.

Ma Phoenix non mollò.
Barkley da sotto andò a canestro. MJ gli rispose con un tiro in sospensione. Ancora Barkley andò a schiacciare di potenza. Ancora Jordan in sospensione. Era una battaglia fra titani.

Ma i Bulls erano in evidente debito di ossigeno. Sotto canestro stavano ancora una volta perdendo la battaglia a rimbalzo. E Horace Grant era ancor una volta inesistente. Un solo punto e appena sei rimbalzi per lui.

Una magia di Jordan a 30 secondi dalla fine ed un canestro di Tucker, ricacciarono indietro Phoenix, ma in un palazzetto che trepidava per la grande impresa, i Suns chiusero il terzo parziale sotto di 8 punti (87 a 79, Chicago), ma con l'inerzia della partita completamente dalla loro parte.

Quindi arrivò l'ultimo periodo di gioco. Quello in cui si scrive la Storia.

Fra l'entusiasmo del pubblico sugli spalti, i Bulls sbagliano una serie impressionante di tiri.
Cartwright a due metri dal canestro viene stoppato da Mark West e sull'azione successiva il centrone dei Bulls commette un fallo di pura frustrazione sull'avversario. Pippen forza un tiro, ma trova il ferro. Ogni singolo rimbalzo è adesso di Phoenix.

Barkley porta in post basso Horace Grant, finta il tiro e serve splendidamente Dumars che va a canestro, per il meno 3 dei Suns.

L'America West Arena è adesso un'autentica bolgia. Pippen perde un pallone banalmente, sull'azione successiva Barkley abusa di Grant e Cartwirght, subisce il fallo e firma dalla lunetta il meno uno.

Jordan, Paxson e Pippen sbagliano tre conclusioni di seguito per i Bulls. Dall'altro lato Kevin Johnson coglie il ferro su assist di Barkley.

Jordan prende palle, penetra, accentra su di sé la triplice marcatura dei Suns e scarica su Grant che incredibilmente solo sotto canestro, coglie il ferro e perde pure il rimbalzo offensivo anticipato da Barkley che gli arriva alle spalle a tutta velocità .

E' MJ dalla lunetta a rompere il digiuno dei Bulls nel quarto periodo che dura ormai da cinque minuti. Ma sull'altro lato del campo un incredibile Barkley firma la parità . 88 ad 88.
Mancano 5 primi e 20 secondi alla fine della partita e i Bulls sono 0 su 9 dal campo nel quarto periodo. Hanno siglato un solo punto. Un tiro libero di MJ.

Jordan interrompe la serie di nove errori consecutivi di Chicago con un tiro in sospensione. Ma Majerle risponde da tre. E' il primo vantaggio di Phoenix. 91 Suns, 90 Bulls.

Ancora MJ dà  il vantaggio a Chicago, ma Barkley in tap in riporta avanti gli Spurs. 93-92.

Cartwright commette il quinto fallo su Majerle, che fa 1 su 2 dalla lunetta e Phoenix si porta sul 94 a 92, quando mancano poco più di te minuti alla fine della partita.
Kevin Johnson in gancio regala il più quattro ai suoi. Barkley commette il quinto fallo e Jordan in sospensione firma il 96 a 94, Phoenix.

Kevin Johnson mette due liberi e fissa il risultato sul 98 a 94.
Sulla rimessa i Bulls fanno girare a lungo il pallone, ma non riescono a trovare un tiro. La sirena dei 24 secondi coglie un Pippen spaesato che, palla in mano, stava ancora cercando un compagno a cui passare.

I giocatori di Phoenix esultano. Manca un minuto e mezzo alla fine e i Suns sono avanti di quattro. Chicago ha segnato solo 7 punti nell'ultima quarto.

Majerle scaglia la tripla della vittoria, ma coglie il ferro. Barkley, pur completamente sbilanciato, è superbo a volare a rimbalzo, superando le braccia protese dei lunghi dei Bulls. Sir Charles cade rovinosamente al suolo, ma non molla la palla e chiama Time Out.

Sulla rimessa per Phoenix, Kevin Johnson prova a chiudere la partita, ma il suo tiro va sul ferro. MJ vola a rimbalzo, percorre tutto il campo, dando fondo ad ogni energia residua, e appoggia in lay up il canestro del meno due.
Mancano 35 secondi alla fine. Palla ai Suns.

Dan Majerle, dall'angolo destro, prova il tiro della vittoria, ma non trova neanche il ferro. Pippen recupera il pallone. Time Out, Bulls.

Quattordici secondi e quattro decimi alla fine. I Bulls, sotto di due, hanno in mano la palla che potrebbe dire vittoria e titolo o quanto meno overtime. Chicago ha realizzato 9 punti nel quarto periodo. Tutti di Jordan, arrivato a quota 33.

Phil Jackson decide di andare con un tiro da due per portare la partita al supplementare.
Alla rimessa è proprio Michael. Serve Paxson che subito gli restituisce palla. Phoenix stringe su di lui. MJ serve Pippen. Scottie entra in area. Mark West gli sbarra la strada. Pippen riesce a pescare ottimamente Grant in pivot basso.
Ma Grant, solo a due metri dal canestro, non tira. Ha realizzato solo 2 punti complessivi nelle ultime due partite. E' in totale crisi di gioco e di fiducia.

Sono due punti facili, serviti su un piatto d'argento. Ma Horace si ferma e incredibilmente scarica la palla fuori per Paxson. Il numero 5 in maglia Bulls, non ci pensa due volte. Carica la tripla. Solo rete.
E' il canestro che vale il Three-peat.

Paxson percorre tutto il campo a braccia alzate. Pippen lo insegue per abbracciarlo. Jordan esulta.
Phoenix ha ancora tre secondi a disposizione per vincere. Ma Grant stoppa Kevin Johnson. Poi la sirena lascerà  solo spazio all'esultanza dei Bulls.

MJ viene subito circondato da decine di microfoni.

Avevo un solo obbiettivo in queste ultime settimane. Vincere il terzo titolo. Potevate dire di me quello che volevate, lodarmi o criticarmi, ma non sareste mai riusciti a distogliermi da quello che era ormail diventato il mio chiodo fisso. Qualcosa che gente come Isiah, Larry, Magic non hanno mai fatto. Non voglio dire di essere migliore di loro. Non voglio essere chiamato il più grande di sempre, ma ci sono riuscito e questa per me è la cosa più importante ed è qualcosa che nessuno potrà  mai portarmi via. Ho vinto la sfida più importante e difficile della mia vita.

TO BE CONTINUED…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *