Quando Reed rispose presente

La sagoma inconfondibile di Willis Reed

La stagione 1969-'70 fu una stagione molto particolare per l'intera NBA. Era la prima senza William Felton Russell, per tutti Bill. Il signore degli Anelli. Colui che aveva rivoluzionato il basket, i suoi concetti, le sue tattiche, la sua psicologia.

Per tredici lunghissimi anni, ogni stagione era inizata con la consapevolezza che la squadra da battere erano i Celtics. Ogni stagione era finita (salvo due eccezioni) con Boston sul tetto del mondo e Bill Russell suo immenso profeta.

Una dittatura. Di più. Un incubo.

Il campionato 1969-'70 si aprì senza quella, per taluni rassicurante, per altri frustrante, certezza.

Il trono e lo scettro di Bill Russell erano rimasti vacanti.
La squadra più accreditata a prendere in consegna l'eredità  dei Celtics, era ovviamente Los Angeles.

I Lakers potevano annoverare nelle propria fila due fra i migliori dieci giocatori di tutti i tempi (Wilt Chamberalin e Jerry West) ed uno che a buon diritto può essere annoverato fra i primi dodici/quindici (Elgin Baylor), in una squadra dal talento e dal potenziale immenso.

Tutti e tre abbondantemente sopra la trentina, ma analogalmente un terzetto da sogno.

La regular season dei Lakers non iniziò comunque nel migliore dei modi.
Dopo nove partite, il trentatreenne Chamberlian si infortunò gravemente ad un ginocchio e dovette far ricorso ad una delicata operazione, mettendo a rischio l'intera stagione, playoffs inclusi.

La season di LA fu altalenante, 46 vittorie e 36 sconfitte, secondi nella Western alle spalle degli Atlanta Hawks.

Ma il recupero del centro gialloviola fu miracoloso.
Rientrò per le ultime 3 partite della stagione, facendo capire a tutti di essere estremamente pronto per i playoffs, i primi senza l'incubo Russel.
In finale di Conference, i Lakers spazzarono via gli Hawks con un sonante 4-0 e si presentarono alla finalissima con tutti i favori del pronostico.

Dall'altra parte c'erano i lanciatissimi New York Knicks, che avevano chiuso la Season con un ottimo 60-22 (primi assoluti nella lega) e che avevano nell'asse play-centro, la colonna portante della squadra.
Walt Frazier alla sua terza stagione NBA e Willis Reed, alla quinta, ne erano i leader assoluti.

In finale di Conference i Knicks si liberarono con un facile 4-1 dei Bucks dell'anziano play Oscar Robertson e del giovanissimo rookie of the year Lew Alcindor, ed approdarono all'agognata finale, che mancava da 17 lunghissimi anni.

L'intera serie fra NY e LA, sarà  una di quelle che vengono ricordate con l'appellattivo di storiche. Una delle più grandi, belle e appassionanti finali che la NBA ricordi, con l'assoluta apoteosi nella storica e decisiva gara 7.

Gara 1 al Madison fu un autentico show dei Knicks, che si imposero per 124 a 112, con un Reed decisamente sugli scudi. Per lui 37 punti, 16 rimbalzi e 5 assist.

In gara 2 ci fu la rivincita dei Lakers, che riuscirono a ribaltare il fattore campo, imponendosi per 105 a 103, con Wilt che all'ultimo secondo stoppò Reed che volava a canestro per il pareggio.

Gara 3 al Forum di Los Angeles fu una di quelle gare che contribuì alla leggenda di questa favolosa serie.

I Lakers costruirono un vantaggio di 14 punti a metà  gara, ma i Knicks rimontarono. A due minuti dalla sirena la situazione era di parità . Reed segnò un libero. West rispose da due, dando ai Lakers un punto di vantaggio.

Barnett segnò ancora da due, riportando i Knics sopra di uno a 18 secondi dalla fine. Subito dopo però commise fallo su Chamberlain, che fece 1 su 2 dalla linea, impattando il risultato sul 100 pari. A tre secondi dalla fine DeBusschere siglò il 102-100 Knicks. I Lakers avevano esaurito i time out a loro disposizione.

A quel punto, convinto che la partita fosse finita, Chamberlain passò la palla a West senza curarsi di quello che sarebbe avvenuto dopo. Voltò le spalle all'azione ed iniziò ad incamminarsi verso gli spogliatoi.

Il boato del pubblico del Forum lo bloccò.
Dalla propria aerea West aveva dribblato per tre volte Reed che cercava di chiudergli la strada e aveva fatto partire il classico tiro della disperazione. Circa sessanta piedi di distanza. Solo rete.

Fosse esistito all'epoca, come nell'ABA, il tiro da tre punti, i Lakers avrebbero vinto la partita, invece quel magico canestro aveva rappresentato solo la parità .

I Knicks si imposero comunque al supplementare, ristabilendo il fattore campo, ma quel tiro di West ha fatto epoca e per molti anni al Forum la posizione da cui era stato scagliato, era rimasto segnato con una crocetta.

Gara 4 finì ancora una volta al supplementare. Ma stavolta si imposero i Lakers, grazie a 37 punti e 18 assist di West e 30 punti di Baylor.

Gara 5 è storica almeno quanto gara 3.
Dopo 8 minuti del primo quarto, Reed si infortunò gravemente alla coscia destra e fu costretto a lasciare il campo, nel silenzio assoluto del Madison.
Il coach dei Knicks, Red Holzman giocò la carta a sorpresa. Inserì Bill Hoskett, un centro che non aveva ancora giocato un minuto di playoffs per marcare Chamberlain. Hoskett ci mise impegno, volontà  e sudore, ma all'intervallo i Lakers erano avanti di 13.

Nella ripresa Holzman provò con una zona offensiva 3-2, che aveva come fine far uscire Chamberlain dall'area dei 3 secondi.
I Lakers non ci capirono più granchè. Iniziarono a perdere palloni su palloni e i Knicks si presentarono all'ultimo periodo sotto di soli 7 punti.

L'ultimo quarto si giocò in una bolgia infernale. Per tutti i 12 minuti di gioco, i 19.500 spettatori del Madison cantarono a squarciagola “Let's go Knicks! Let's go Knicks!”.

I Lakers (30 palle perse complessive per loro), andarono completamente in pallone e New York riuscì ad imporsi in uno storica vittoria. 107-100.
Negli ultimi due quarti, Chamberlain aveva realizzato solo 4 punti.

L'artefice della vittoria era stato il più grande giocatore della storia di New York, quel Walt Frazier (21 punti, 12 assist, 7 rimbalzi per lui) che, seppur immenso difensore, aveva iniziato la serie con gravi problemi (soprattutto di falli) nella marcatura del grandissimo Jerry West, ma che pian piano ne stava prendendo le misure.

Anni dopo, DeBusschere definirà  quella gara come “one of the greatest basketball game ever played”.

Gara 6 a Los Angeles fu ovviamente tutt'altra storia.
Chamberlain mise a referto 45 punti, conditi da 27 rimbalzi e i Lakers passeggiarono sui resti dei Knicks ancora privi di Reed per 135 a 113, impattando la serie sul 3 pari.

Tutto era rimandato alla decisiva gara 7.
Data: Venerdì 8 Maggio 1970.
Luogo: Madison Square Garden, New york.

I giocatori dei Knicks entrarono in campo per il riscaldamento senza sapere ancora se Reed sarebbe stato o meno della partita.
I Lakers, che avevano visto Reed trascinarsi la gamba negli spogliatoi, entrarono in campo con la certezza che Reed non avrebbe giocato.

Il Madison trasudava rassegnazione. Quasi impotenza.
Anche quell'anno il sogno dell'agognato titolo, tante volte sfiorato, ma mai ghermito, pareva destinato a frantumarsi al suolo. E l'anello pareva destinato a prendere altre vie, lontane migliaia di miglia da New York.

Tre minuti dall'inizio della disfatta e lo storico palazzetto dei Knicks viene scosso da un fremito. Dal tunnel degli spogliatori sbuca una figura in tuta bianca. Zoppica.

Il fremito diviene mal celata eccitazione quando la figura si dirige verso metà  campo.

Quando Willis Reed prende in mano un pallone, si avvia verso un canestro e fa partire un tiro di riscaldamento, l'eccitazione è già  divenuta un insistente vociare.

Quando la palle scuote la retina, il vociare si trasforma in un boato che suote il palazzetto fin dentro le fondamenta ed i giocatori in maglia gialloviola, fermi ad assistere impietriti alla scena, fin dentro le ossa.
Si guardano confusi. E quando riprendono il riscaldamento buona parte della loro sicurezza è già  disciolta.

“Quello è stato un momento che non scorderò mai” dirà  Frazier. “Quando ho visto i Lakers così confusi di fronte a quella scena, ho capito che quei ragazzi sarebbero stati nostri!”.

Willis Reed si era fatto imbottire di antidolorifici negli spogliatoi. Il medico dei Knicks, seppur contrario, gli aveva fatto diverse iniezioni alla coscia.

“Volevo giocare” dirà  in seguito Reed, “era gara 7 di finale, il più grande momento per ogni giocatore di basket, quello che avevo inseguito fin da quando ero arrivato nella NBA. Non avrei voluto un giorno di venti anni dopo guardarmi allo specchio e dirmi che avrei voluto ma non potevo!”.

Reed si ritrovò davanti Chamberlain per la palla a due.
Non provò neanche a saltare. Rimase immobile.
Eppure i suoi primi due possessi si tramutarono quasi per magia in due canestri.

Quindi si dedicò esclusivamente a limitare il colosso in maglia gialloviola.
Diciassette volte i Lakers servirono a centro aerea Chamberlain. Ma Reed era sempre lì. Lo infastidiva, lo marcava, lo spingeva. E con lui addosso Chamberalain tirò con un misero 2 su 9 dal campo.

Reed chiuse la sua gara con 4 punti, un 2 su 5 al tiro, 3 rimbalzi e 4 falli.
Ma tanto bastò per spostare l'inerzia della partita dalla parte dei Knicks. Per rendere elettrica l'atmosfera in campo e fuori. Per spezzare la fiducia dei Lakers e far sì che la paura si insinuasse subdolamente dentro di loro e facesse breccia nella loro sicurezza.

Un impatto emotivo nella gara senza precedenti. Chamberlain, visibilmente scosso, tirò con 1 su 11 dalla lunetta.

Il resto dell'opera la portò a termine uno stratosferico Walt Frazier, in quella che viene ricordata come la più grande prestazione di un singolo giocatore in una gara 7 di finale.

Mise a segno 36 punti, conditi da 19 assist e 7 rimbalzi. 12 su 17 dal campo e 12 su 12 ai liberi. Ogni altro commento sarebbe superfluo.
A metà  secondo quarto, segnò un importantissimo canestro, in faccia a West, che commise anche fallo per il più classico dei giochi da tre punti, distruggendo definitivamente il morale dei Lakers.

Los Angeles non riuscì mai ad entrare in partita e New York chiuse la gara sul 113-99.

Vinse il suo primo anello.
E Willis Reed fu procalmato MVP della finale, dopo che nello stesso anno aveva già  portato a casa l'MVP dell'all star game e quello di stagione regolare.

Si narra che Walt Frazier, al termine della serie, ebbe quasi una crisi di rigetto nei confronti della lega e della squadra per non aver ottenuto in quella finale il credito che meritava, oscurato dall'eroica prestazione di Reed.

Eppure quella prova rimarrà  scolpita a caratteri cubitali nella storia di questo sport e per ogni Knicksiano che si rispetti, lui, Walt Frazier, detto Clyde, rimarrà  il più grande giocatore che abbia mai vestito la casacca Knicks.

N.d.A. : Lo confesso, non poca soddisfazione mi ha procurato scrivere questo pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *