Ma quanto mi costi ?

Jermaine O'Neal strappa il contratto più oneroso dell'estate, addirittura più di Tim Duncan

I grandi nomi sono andati a posto, milioni di dollari investiti da parte delle franchigie NBA su giocatori giovani o meno giovani, analizziamo i principali affari (quelli superiori a 10 milioni di dollari complessivi) singolarmente in ordine dal contratto più oneroso in giù, le cifre sono prese tutte dal sito www.realGM.com potrebbero contenere inesattezze rispetto a quelle degli altri siti come ESPN o Hoopshype.com.

Jermaine O'Neal – Indiana Pacers (confermato) –
126,6M$ 7 anni

O'Neal ottiene il massimo possibile dai suoi Pacers, il ragazzo vale questi soldi che sono tanti, ma al momento è di gran lunga il miglior lungo della Eastern Conference, il problema è che i Pacers firmandolo a queste cifre non hanno potuto trattenere il compagno di reparto Brad Miller e soprattutto si sono preclusi ogni tipo di ulteriore manovra sul mercato. A questo punto i Pacers devono funzionare così come sono. Non c'erano alternative perchè gli Spurs avrebbero offerto a lui il solito contratto.

Tim Duncan – San Antonio Spurs (confermato) –
122M$ 7 anni

A questo ragazzo gli Spurs potevano tranquillamente dare il triplo, in sei anni di NBA ha regalato due anelli agli Spurs, ha vinto due volte il titolo di MVP, è stato due volte MVP della finale, una volta MVP dell'All Star Game, Rookie of the Year, nella sua ultima partita giocata, ha mancato la quadrupla doppia solo per due stoppate, difensore tra i migliori, non sbaglia un passaggio nemmeno quando è triplicato, secondo i pochi detrattori manca un po di egoismo, ma ricordiamoci anche che sia Shaq che Jordan dopo sei anni di NBA avevano vinto solo il premio di rookie of the year. Guadagnerà  meno di Jermaine O'Neal solo perchè ha un anno in meno di NBA alle spalle, ma c'è da giurare che vincerà  molto di più.

Jason Kidd – New Jersey Nets (confermato) –
103,6M$ 6 anni

Kidd rimane ai Nets per altri 6 anni da dove lancerà  il suo assalto al titolo, la trattativa non è stata semplice perchè le alternative erano veramente allettanti, ma Jason non se l'è sentita di lasciare in mutande una franchigia che negli ultimi due anni è dipesa completamente da lui, come Duncan i soldi ci stanno tutti e ne valeva anche di più, ma a differenza dei Pacers i Nets, non avranno problemi ha rifirmare sia Martin che Jefferson nei prossimi due anni. Roster che ad est vale 60 partite in scioltezza il che potrebbe voler dire arrivare alle eventuali finali con molte più energie di tutti gli squadroni dell'ovest che dovranno affrontare una lotta per la sopravvivenza nei playoff, e questo sarà  un vantaggio non di poco conto.

Elton Brand – Los Angeles Clippers (confermato) –
82,2M$ 7 anni

Brand rimane ai Clippers che pareggiano l'offerta di Miami, l'offerta originale dei Clippers era di circa 17 M$ in meno, Brand è un ottimo giocatore, di sicuro rendimento, che però si prenderà  uno stipendio da leader di franchigia che obbiettivamente non è, in più nel suo ruolo di ala grande sarà  sempre menomato da quei 5 cm che gli mancano. Secondo me il suo valore era sui 65M$ al massimo, ma a suo favore ha giocato la fame di lungo dell'NBA intera. Rischia però di diventare come Brian Grant e Eddie Jones il simbolo dei giocatori sovrappagati nonostante il loro indubbio valore.

Brad Miller – Sacramento Kings (nuovo) –
68M$ 7 anni

Il giocatore che ha ottenuto di più tra quelli che hanno cambiato maglia, una follia dei Kings che forse si sono trovati immobili tra i colpi dei Lakers degli Spurs e dei Wolves, per la smania di partecipare al supermarket hanno offerto a Brad Miller almeno il doppio di quello che vale, perchè in fin dei conti a Miller verrà  chiesto di cambiare Vlade Divac e poco più, per di più ai Kings serviva soprattutto un difensore e Miller è solo un decente attaccante salito alla ribalta solo per l'ormai mancanza cronica di centri nell'NBA. Una follia, che se i Kings non dovessero arrivare al titolo potrebbe essere ricordata a lungo.

Gilbert Arenas – Washington Wizard (nuovo) –
65M$ 6 anni

Se pensate che due anni fa veniva scelto al secondo giro, questo dimostra quanto sia strano il draft. Reduce da una stagione super, giocatore a mezzo tra il ruolo di play e il ruolo di guardia, sarà  il leader dei Wizard che si giocano tutto su di lui. Il contratto è di quelli importanti davvero, Washington aveva bisogno come il pane di un play e quest'estate perso Andre Miller non potevano trovare di meglio.

Richard Hamilton – Detroit Pistons –
62M$ 7 anni

Ha rischiato seriamente di tornare a Washington, e l'affare è saltato solo perchè hanno preso Eddie Jordan invece di Carlisle, se l'ex Coach dei Pistons fosse andato a Washington Hamilton l'avrebbe seguito di corsa, questo ha fatto lievitare un po’ il prezzo, però sostanzialmente è quello giusto, ha già  dichiarato che i metodi di Brown non gli piacciono, ma che farà  il possibile per adattarsi. Un'altra miccia accesa nella miniera dei Pistons.

Andre Miller – Denver Nuggets (nuovo) –
51M$ 6 anni

Ha avuto furia di chiudere subito con Denver e questo potrebbe essergli costato una decina di milioni di dollari, visto il contratto di Arenas che probabilmente come play puro vale meno di lui, reduce da una stagione disastrosa ai Clippers dove però è stato accusato di colpe anche non sue. Sarà  il cameriere che dovrà  servire Carmelo Anthony, probabile un ritorno in vetta alla classifica degli assist, poi i veri Nuggets li vedremo la prossima estate.

Kenny Thomas – Philadelphia Sixers (confermato) –
50M$ 6 anni

A me piace da morire, con cinque centimetri in più era un All Star fisso sicuro, attaccante più che buono, energico a rimbalzo, può giocare anche in ala piccola, considerando che è arrivato a Phila quasi in silenzio è un affarone che poi non è costato nemmeno uno sproposito. Giocherà  per la prima volta in quintetto dall'inizio della stagione, dove secondo me 15 punti e 8-9 rimbalzi a sera li fa in scioltezza.

Corey Magette – Los Angeles Clippers (confermato) –
45M$ 6anni

Dopo Elton Brand i Clippers puntano su Magette rifirmato ad un prezzo che potrebbe essere un affare perchè se migliora di un 20% le proprie cifre dello scorso anno siamo vicino ai venti di media, uno dei primi cinque contropiedisti della lega, difensore ottimo forse troppo sottovalutato, se trova regolarità  nel tiro da fuori diventa una guardia di alto livello, obbiettivamente a 7M$ di media all'anno si trova di peggio. Per trattenerlo i Clippers hanno pareggiato l'offerta dei Jazz.

Rasho Nesterovic – San Antonio Spurs (nuovo) –
42M$ 6 anni

Un affare senza dubbio visto quello che ha capitalizzato Brad Miller a Sacramento, visto che Rasho è senza dubbio nettamente superiore a Miller su entrambi i lati del campo, avrà  però l'ingrato compito di sostituire una bandiera come David Robinson, che con Duncan nella sua ultima stagione era riuscito ad arginare il ciclone Shaquille. Un affare per gli Spurs, che poi lui risulti più efficace del Robinson degli ultimi anni da subito è da vedere.

Juwan Howard – Orlando Magic (nuovo) –
36,9M$ 6 anni

Mi sbilancio, l'affare dell'estate, i Magic una volta persi Duncan e Jermaine O'Neal hanno fatto funzionare la testa, ed anno preso Howard che è il giocatore più adatto al loro gioco offensivo, lasciando perdere Brand che sarebbe costato più del doppio, Howard dal canto suo sperava nei Lakers, ma una volta perse le speranze di gialloviola, ha lasciato perdere i soldi accettando di giocare accanto a McGrady e soprattutto lasciando ai Magic lo spazio per un ulteriore aggiunta di valore. Se i Magic puntano su un esterno potrebbe giocare come centro.

PJ Brown – New Orleans (confermato) –
34M$ 4 anni

Conferma più che doverosa da parte dei New Orleans Hornets di uno dei giocatori più sottovalutati della lega, uno di quelli in cui il vero valore non si legge di certo nelle statistiche, difensore coi fiocchi, attaccante senza pretese, ma presente sempre al momento del bisogno, perderlo ad un anno dal trasferimento nella Western Conference sarebbe stato deleterio, rimane per un salario onesto, con una durata non lunghissima rispetto all'età .

Alonzo Mournig – New Jersey Nets (nuovo) –
22,6M$ 4 anni

Sembra ormai una certezza che le condizioni di salute di Zo siano ottime e allora questo potrebbe essere l'affare del secolo, perchè tre anni fa Alonzo Mournig valeva il contratto di Jermaine O'Neal senza pensarci un secondo. E' stato l'unico centro in grado di difendere su Shaq nell'uno contro uno, ha scelto i Nets per la sua amicizia con Jason Kidd, se tira fuori una stagione da 15+10 come quella del 2001-02 giocata a Miami, cosa assai probabile i Nets sono a posto fino ad inizio giugno.

James Posey – Memphis Grizzlies (nuovo) –
22,6M$ 4 anni

Addizione inspiegabile al roster di Memphis da parte di Jerry West, perchè di ali piccole ce ne erano di già  a sufficienza, con Battier, Mike Miller, il rookie Jones e Gasol che ci può giocare, contratto onesto per un ottimo atleta come Posey, ma non se ne vedeva proprio la necessità .

Michael Olowokandi – Minnesota TWolves –
16,2M$ 3 anni

A me non piace per nulla, in cinque anni ai Clippers ha giocato bene solo la seconda metà  della stagione scorsa (2001-2002), solo in attacco, manca totalmente di approccio difensivo e di grinta a rimbalzo, però è sempre un 2,15 con un fisico scultoreo che quando a voglia (cioè mai fino ad ora) la mette dentro con diverse soluzioni di tiro. A Minnesota non è costato praticamente nulla, la MLE per tre anni, considerando che i Nuggets gli offrivano almeno un contratto come quello di Brad Miller è un affare che lui ha accettato solo per giocare accanto a Garnett, se poi non va non ingolfa il salary cap e non sarà  un problema.

Kevin Ollie – Cleveland Cavaliers –
15M$ 5 anni

Un bel contratto per un onesto lavoratore che nell'NBA ha sempre giocato a rischio taglio, Cleveland a meno che LeBron non venga impiegato da play, di playmaker veri non ne ha nemmeno uno, il che potrebbe significare anche un posto in quintetto o al massimo un cambio di lusso. Bel colpo soprattutto per lui.

Ira Newble – Cleveland Cavaliers –
12,3M$ 4 anni

Ira ha giocato una stagione discreta ad Atlanta, ma il quadriennale offertogli dai Cavs già  saturi nel ruolo è abbastanza inspiegabile, forse ci hanno visto qualcosa che nessun altro ha visto, perchè i giocatori da rotazione costano molto meno.

Robert Horry – San Antonio Spurs –
10,5M$ 2 anni

Gli Spurs contano moltissimo sulla sua voglia di vendetta contro i gialloviola, Horry era già  in parola con Houston da almeno un anno, ma poi l'arrivo di Van Gundy ha cambiato le cose visto che lui non lo voleva, ecco spiegato il suo approdo a San Antonio dettato più da esigenze familiari che da voglie di rivalsa, è reduce da una stagione mediocre, che però poteva girare se il suo famoso tiro da tre allo scadere non veniva sputato dal ferro. Panchinaro di gran lusso che nei playoff mangerà  senza dubbio una decina di minuti a Nesterovic.

Gary Payton – Los Angeles Lakers –
10,3M$ 2 anni

Che dire il secondo miglior playmaker della lega quasi gratis, ha troppa volgia di infilarsi un anello, che per i Lakers è quasi una garanzia contro ogni eventuale bizza, che poi gli riscano a cucire la bocca è un'altra storia, biennale solo di fatto, perchè sia lui che la squadra la prossima estate possono liberarsi.

Speedy Claxton – Golden State Warriors –
10M$ 3 anni

Voleva giocare da play titolare e quindi non ha nemmeno ascoltato le offerte dei suoi Spurs, Golden State pare fatta apposta per lui, secondo me è un ottimo giocatore che se migliora il trattamento palla di un po’ può fare un ulteriore salto di qualità , nell'NBA ci sono molti play peggiori di lui che guadagnano di più, un affare sicuro.

Scottie Pippen – Chicago Bulls –
10M$ 2 anni

Ci sono cose che non hanno prezzo, il ritorno di Scottie ai Bulls con un futuro da dirigente è una di queste, giocherà  in quintetto aiutando sia Crawford che Heinrich in regia, mettendo così una volta per tutte il freno a quel mangiapalloni di Jalen Rose, nonostante l'età  c'è ancora eccome, l'uomo giusto per i Bulls.

EXTRA

Karl Malone – Los Angeles Lakers
3,2 M$ 2 anni

Non è scherzi a parte, la miglior ala grande di sempre (mica noccioline) ancora in piena salute con l'eccezione di basso livello. Karl era indeciso se provare a battere il record di Jabbar in una squadra senza pretese oppure la vittoria dell'anello mai raggiunto a Utah, visto il contratto ottenuto e la squadra doive è andato indovinate voi quale è stata la sua scelta? Come Payton contratto di due anni, da cui però la prossima estate sia lui che i Lakers possono uscire. Se la salute è quella dello scorso anno forma con Shaq la coppia di lunghi più forte di sempre.

Nota: di giocatori di valore ancora liberi non ce ne sono molti, il migliore e Lamar Odom, poi Jason Terry seguito da Derrick Coleman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *