‘Who cares’ estivo…

Il bambino, e la mamma, più famosi di tutta la NBA…

Devastato dal caldo tipico delle Dolomiti d'oggidi'(???) oggi non ho alcun problema a redigere la periodica dose di insensatezze, visto che la meta' dei miei neuroni e' impegnata a soccorrere l'altra meta', che cerca di non annegare nel sudore.

Nel frattempo, il meraviglioso mondo dello sport americano ha visto succedere qualche cosuccia, visto che nella palla a spicchi siamo alla vigilia di gara 6 delle finali, l'hockey ha incoronato da poco i devils al termine di una serie parecchio tirata contro Anaheim, ed il baseball ha mandato in archivio gia' una 60na di partite.

Armato di ventilatore, brocca di te a temperatura tale da portarmi sempre sull'orlo della congestione (fortuna che la mamma mi ha dotato di un apparato digerente in grado di metabolizzare tutto cio' che resta inerme per piu' di 2 minuti) sto seguendo le gare di finale tra Timoteo e i suoi Spurs contro Giasone ed i suoi ragazzacci.

La serie e' di sicuro ricca di spunti interessanti, anche se leggo che la ABC sta' gia' piangendo per via di indici di ascolto da Festival di Sanremo 2003 ed immagino quanto questo sia gradito, specie al primo anno di un contratto in cui la tv in questione paga svariate centinaia di milioni (di dollari). E qui mettiamo il nostro primo chissenefrega.

Vi tralascio i commenti tecnici che troverete in altri lidi (ma sempre in questo sito, d'altronde non ditemi che avete aperto questa pagina per trovare commenti tecnici") e passo invece ad argomenti molto piu' "chissenefrega".

Joumana e TJ Kidd: ora, io non sono un grande esperto di bellezza maschile, ma posso senz'altro affermare che Jason Kidd non e' certo un brutto uomo. Divento improvvisamente piu' esperto di cose femminili, e posso garantire che Joumana e' quella che in Toscana definirebbero "topona extralusso".

Dati questi genitori, mi spiegate che scherzo della natura e' TJ. Va bene che tutti gli "scarrafoni" sono belli per la loro mamma, ma questo qui e' davvero uno scherzo del destino. Fermo restando che se solo ha la meta' del talento cestistico di papa', un posto nella lega fra 15-16 anni nessuno glielo toglie.

KMart, prima scelta di 2 anni or sono, era prima noto per una quantita' di flagrant fouls che gli avevano gia' attirato le sinistre attenzioni dei piani alti NBA. Oggi me lo vedo marcare da solo tale Duncan Tim, che di mestiere farebbe l'MVP di questa Lega, e la cosa gli riesce bene, benissimo, probabilmente meglio che a chiunque altro. Potreste spiegare anche a me che cosa mi sono perso?

Flavio Tranquillo e Federico Buffa: come mai, dopo anni di telecronache della finale sul posto, quest'anno sono costretti a commentare le finali "dal tubo"? Che Sky Italia, novella pay tv omnicomprensiva, abbia cominciato ad usare la forbice (sperem de no")?

Capitolo allenatori: Carlisle, nella mia opinione uno dei tre migliori allenatori sulla piazza, porta una squadra normale tra le prime 4 e viene defenestrato. Motivi? Non chiedete a me, so solo che e' in atto un walzer mica male con allenatori di primissima fascia e panchine molto interessanti: ci sarebbe da allenare Yao Ming, LeBron James, ma anche Allen Iverson e Vince Carter. Se qualcuno di voi pensa di essere bravo, si accomodi, che gli ultimi posti sono ancora liberi"

Di hockey NHL capisco poco, specie dal giorno in cui il numero 99 non circola piu' per le piste del Nordamerica; pero' un po' di coppa Stanley mi e' capitato di vederla e quindi indirizzo un paio di "chissenefrega" anche ai guru del settore, sperando di avere qualche risposta.

Ho visto qualche partita di Anaheim, ed ho notato che in porta schieravano una specie di ragno con i riflessi amplificati. Siccome di questo Jean-Sebastien Giguere non avevo mai sentito parlare fino ad un mese fa (mica come i vari Roy, Brodeur e compagnia) spiegate un po' anche al sottoscritto se questo mostro e' sempre stato forte come in questi ultimi tempi, oppure ha giocato come posseduto e non e' detto che si ripetera'.

Gara 6: Paul Kariya, uno che ho visto giocare dal vivo nel '94 nei Mondiali di gruppo A, prende una lecca da un certo Scott Stevens (uno con la reputazione di colpitore) e resta giu un paio di minuti. Al replay ho avuto un trauma cranico per simpatia pure io sul divano. Per tutta risposta, il giocatore con la faccia da bambino e' rientrato in spogliatoio, si e' fatto fare un check up rapido per verificare che fosse tutto ancora in funzione, e' rientrato dopo 5 minuti e alla prima occasione ha spedito alle spalle di Brodeur un disco poco oltre la blu. Il palazzo di Anaheim ha rischiato seriamente il collasso, ed i paperi hanno portato la serie alla settima gara. Se non provate niente quando vedete queste cose, allora non vi piacciono le storie di sport…

Ed ora gran finale. Ma prima una premessa. Sono un appassionato di baseball di un ignoranza mostruosa, e ringrazio fin da ora gli amici di ISPA (it.sport.americani, per i pochi che ancora non lo sanno) che mi ospitano nelle loro fantaleghe e sopportano la mia ignoranza in materia di batti e corri.

In una delle mie formazioni milita Sammy Sosa, noto agli appassionati per aver recitato a titolo continuativo la parte del rivale nelle rincorse al record dei fuoricampo in stagione, prima di McGwire e poi di Barry Bonds. In pratica non esiste giocatore che abbia mandato al parcheggio piu' palline di lui, negli ultimi 5 anni.

Qualche giorno fa, durante una partita, SaSo ha spezzato la sua mazza, inondando il piatto di casa base di… sughero.

La cosa non e' piaciuta neanche un po' agli arbitri, che hanno spedito anzitempo sotto la doccia il giocatore dominicano. 8 giornate di squalifica, ma soprattutto una macchia dura da cancellare anche ai record raggiunti fino ad ora, sono il prezzo che Sosa dovra' pagare, in una brutta pagina del "national passtime".

Riflessioni di un accaldatissimo Kicco:
– La squalifica e' arrivata di venerdi', quando il sabato successivo la TV nazionale avrebbe trasmesso il duello tra i Cubs e gli Yankees, con Roger Clemens impegnato a raggiungere la sua vittoria numero 300. Inutile dire che e' bastato presentare un appello per congelare la squalifica e salvare duello ed audience televisiva. Per la serie "tutto il mondo e' paese".
– Hanno sequestrato immediatamente 76 mazze ai Cubs, ed i raggi X non hanno rivelato nulla di strano. Come dire che le controanalisi sono negative
– Non e' la prima volta che questo capita (il sughero nelle mazze) e gia' immagino camion della Rawling con tonnellate di materia prima di provenienza sarda. A quando il tabacco masticato proveniente dal Lazio oppure i guanti di pelle marchiati "Valleverde" o "Calzaturificio di Varese"?

Statemi bene

Kicco

Ringrazio tutti quanti hanno buttato 5 minuti della loro vita per scrivermi, in particolar modo Beeurk (ehm, il nome non mi e' arrivato) che propone di dare a Gatling il premio di giocatore piu' scambiato dell'universo (chissa' la contentezza di un'eventuale consorte, che vive con le valigie perennemente aperte) e Roberto Pompei, che mi ha letteralmente travolto di messaggi nei quali sognava l'arrivo di Van Gundy ai suoi Rockets. Come vedi Roberto, i sogni ogni tanto si avverano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *