Il ritorno di Conway, il dimenticato

Jon Conway, 33 anni, portiere del Toronto FC

Va bene, potete essere perdonati se vi siete dimenticati che Jon Conway gioca col Toronto FC.

Acquistato dai Reds a marzo dopo essere stato tagliato dal Chivas USA, Conway è stato una presenza costante in panchina in questa stagione quale riserva del giovane portiere svizzero Stefan Frei.

Conway, 33 anni, deve ancora giocare un solo minuto per TFC durante la regular season della Major League Soccer, essendo sceso in campo solo in una partita del Canadian Championship e in un'amichevole contro gli inglesi del Bolton Wanderers il mese scorso.

Ma il momento del veterano è finalmente arrivato martedì notte, quando è sceso in campo dall'inizio ed è stato fondamentale nel match contro i messicano del Cruz Azul, "prima" del TFC nella CONCACAF Champions League.

Pur avendo visto giocato assai poco quest'anno, Conway non è assolutamente apparso arrugginito contro i messicani, facendo una serie di grandi parate fondamentali per la vittoria per 2-1 del Toronto FC.

La mancanza di minuti in campo non ha offuscato i riflessi di Conway, cosa che l'ex NY attribuisce al lavorare duro in allenamento, portato avanti come se fosse il numero 1 del team. "Mi alleno ogni giorno come se dovessi sempredi giocare", ha detto Conway. "Settimana dopo settimana, mi sento come se scendessi in campo. Questo è il modo in cui mi alleno, e se ricevo la chiamata, sono pronto ad entrare."

L'allenatore del Cruz Azul Enrique Meza ha elogiato la prestazione del sottoutilizzato Conway nella conferenza stampa post-partita, ma il portiere TFC non intende montarsi la testa: "Sono abbastanza stabile in questo senso", ha detto Conway. "Non vado mai troppo alto o troppo basso. Bisogna mantenere un equilibrio".


Highlights: 17 agosto, 2010 – Toronto FC vs. Cruz Azul 2-1

Formatosi alla Rutgers University, Conway è un veterano con 11 stagioni in MLS, la prima delle quali nel 2000, quando fu scelto al 28° posto nel MLS SuperDraft dai San Jose Earthquakes quale backup di Joe Cannon, di cui poi ha preso il psto nel 2003, facendo però a lungo la riserva di Pat Onstad, che San Jose aveva preso nel 2000 dopo un suo infortunio mentre era in prestito. Nel 2005 va ai NY MetroStars, dove si afferma tra i portiere top della MLS e nel 2008 con l'arrivo della Red Bull è sempre lì, fino a quando nell'ottobre 2008 arriva l'"incidente" della squalifica per doping insieme al compagno di squadra Jeff Parke, che porta NY a tagliarlo nel giugno 2009. Finisce quindi al Chivas USA, dove fa da riserva a un Zach Thornton in una delle sue stagioni migliori e finisce per giocare un solo match, fino al passaggio al TFC.

In quest mesi Conway ha fatto un po' da chioccia a Stefen Frei, finalista per il premio di rookie dell'anno nel 2009 e sempre titolare nell prime 19 partite di regular season. Il 33enne di Media (Pennsilvanya) è statoperò bravo a non mettere il broncio rimanendo invece sempre concentrato e pronto, fino alla chiamata di coach Preki.

"Mentalmente sono sempre pronto, che sia in campo o no", ha spiegato Conway. "Gioco da molti anni, e ora quindi so quello che devo fare, sia mentalmente che fisicamente".

Oltre a fare tre fondamentali parate contro i messicani, Conway inoltre ha organizzato in modo efficiente la difesa, urlando continuamente ordini ai i quattro difensori per impedire al Cruz Azul di ritagliarsi occasioni da gol. L'aspetto organizzativo del lavoro del portiere è una cosa che in cui Conway sente di eccellere: "E' facile per me. Parlare con i ragazzi di fronte a me, assicurarsi che siano organizzati, rende il mio lavoro molto più facile, e sono orgoglioso di averlo fatto per tutta la mia carriera".

John Molinaro è un inviato della CBC, la TV canadese. Molinaro è su Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *