Week #7, i Galaxy espugnano Seattle

Il capitano dei Los Angeles Galaxy, Landon Donovan, in gol contro Seattle

Dopo le gare degli anticipi infrasettimanali, la Week 7 della Major League Soccer ci ha riservato un ricco programma al sabato con sette gare e non prevede posticipi domenicali. Due soli team non sono scesi in campo nelle gare dell'8 maggio: Kansas City Wizards e Colorado Rapids.

Gli highlights di tutti i match da MLSsoccer.com

Galaxy con il vento in poppa: la formazione dell'ex ct Bruce Arena in pochi giorni si regala due importanti successi, dopo l'exploit in Colorado, arriva quello a Seattle. Landon Donovan e compagni espugnano per 0-4 il “QWest” disputando un ottimo match per autorità  e applicazione tattica.

I Sounders pagano il momento di difficoltà , sia sotto l'aspetto tattico con il nuovo modulo 4-3-3 che atletico. Il team di Sigi Schmid, infatti, nel primo tempo è pericoloso e sfiora il gol poco prima del vantaggio ospite segnato dal redivivo Jovan Kirovski con una conclusione dai venti metri su cui appare decisivo un intervento non ottimale di Kasey Keller.

Ancora ad inizio ripresa Sounders vicini al pari con Osvaldo Alonso, prima di cedere bruscamente mentalmente dopo il raddoppio arrivato con un imperioso colpo di testa di Omar Gonzalez su corner calciato da destra da Donovan.

Tris poco dopo con una deviazione sottomisura di Dunivant su punizione calciata da sinistra essempre dal capitano dei Galaxy che infine mette il proprio sigillo – il primo stagionale – con una deviazione sottomisura su assist di Buddle.

I campioni in carica dei Real Salt Lake al “Rio Tinto” si sbarazzano senza problemi degli Union, 3-0: apre Kyle Beckerman, dopo un primo tiro di Alvaro Saborio rimpallato, raddoppio di Jamison Olave sottomisura su punizione di Morales in cui Seitz commette una nuova topica perdendo il pallone, e tris con colpo di testa di Saborio su assist di Campos.

Prova incolore di Arrieta, infatti, l'italo-americano con un retropassaggio corto verso Chris Seitz serve Saborio nel primo gol, e perde la marcatura del centravanti costaricano nel terzo gol. La formazione di Peter Nowak pativa l'assenza di diversi elementi, ma è sembrata ancora troppo carente sotto l'aspetto tattico con i reparti slegati. La sensazione è che oltre Robert Pires per luglio, servi un centrocampista centrale e l'opzione Danny Szetela potrebbe tornare d'attualità .

Quanto a “papere” dei portieri, anche questo turno ne vede diverse oltre le già  citate di Keller e Seitz. Ad esempio ad aprire il successo di Toronto sui Fire è anche l'inesperienza del giovane Andrew Dykstra.

Il portierino, numero 40, del team guidato da Carlos De Los Cobos legge malissimo la traiettoria di un cross di Nick LaBrocca forse sospinto dal vento del “BMO” che sblocca il risultato per i “reds” nel primo tempo, e non è impeccabile nella posizione del cross che O'Brian White sottomisura deposita in rete in avvio di ripresa.

La reazione del team di Chicago porta ad accorciare le distanze con un bellissimo tiro dai venticinque metri del rientrante Logan Pause. Poi in contropiede arriva la doppietta dell'ex Chad Barrett che chiude i giochi.

Altro “orrore” di un portiere, questa volta senza conseguenze per il suo team a Columbus: Hesmer si lascia passare sotto il corpo un tiro centrale del rookie Zak Boggs dei Revs, i Crew poi ribaltano il risultato con un diagonale di Eddie Gaven e un'autorete di Cory Gibbs che devia alle spalle di Preston Burpo un cross di Robbie Rogers.

Il primo tempo si chiude sul 2-2 grazie ad una combinazione Boggs-Phelan-Dube-Boggs che merita di essere rivista poichè realizzata in un fazzoletto di campo sorprendendo lo schieramento del team di casa. Il secondo tempo è un assedio dei Crew che falliscono numerose chances, colpendo anche una traversa con un colpo di tacco di Jason Garey, e trovano al 91' il gol del successo con un tap in di Rogers.

La sfida tra Dallas e DC United è risolta dal rientrante bomber Jeff Cunningham a metà  della ripresa, ma ai punti la formazione di Onalfo avrebbe meritato il palo poichè Hartman salva in più occasioni i suoi, ed è ben sorretto dai legni che lo proteggono nel primo tempo su conclusione di Simms e nella ripresa di Morsink. Qualche buon intervento anche per il baby portiere Bill Hamid.

L'altra texana, gli Houston Dynamo risorgono in casa dei Chivas Usa imponendosi per 0-2 grazie ad un avvio sprint con gol di Brad Davis al 3' e raddoppio di Adrian Serioux al 7' (libero di staccare di testa al centro dell'area su un corner).

Poco più nord, sempre in California: i San Josè Earthquakes di Frank Yallop strapazzano i New York Red Bulls di Hans Backe con un netto 4-0. Team newyorkese in inferiorità  numerica dopo una decina di minuti per un fallaccio di Luke Sassano su Bobby Convey.

L'esterno mancino del centrocampo del team della Baia sembra esser ritornato sui livelli di alcuni
addietro che gli valsero il trasferimento in Inghilterra, e mette lo zampino in tutte le quattro reti e chissà  che non meriti maggior considerazione da parte del CT Bob Bradley.

Vantaggio Earthquakes con il primo centro stagionale del giamaicano Ryan Johnson in chiusura di primo tempo. In avvio di ripresa raddoppio di Gjertsen la cui conclusione gode della vistosa complicità  di Bouna Coundoul.

Il portiere senegalese si riscatta poi con alcuni interventi, ma nulla può alla svagatezza del suo reparto difensivo che consente il terzo gol a Wondolowski e il quarto al difensore Burling libero di colpire di testa su corner di Bobby Convey.

Il blog di Giuseppe D'Amico è MLS-Italia.blogspot.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *