Simontacchi, il paisà 

Il lanciatore dei Cardinals Jason Simontacchi

I playoff della Mlb sono alle porte e gli appassionati italiani del baseball hanno un motivo in piu' per seguirli: Jason Simontacchi. Il lanciatore partente dei St. Louis Cardinals, lo scorso otto settembre, ha vinto la sua decima partita, un traguardo di per se' importantissimo per un rookie, ma che assume ancor piu' valore se fino a pochi mesi fa si esibiva nel massimo anonimato in campetti alla Bull Durham.

Jason e' in possesso del doppio passaporto: nel 2000 fu ingaggiato da Rimini che era alla ricerca di un oriundo affidabile sul monte di lancio. I risultati furono evidenti: 12 vittorie, 1 sconfitta e il tricolore al vento sulla riviera adriatica.

Il ritorno in America non e' stato un granche': i Minnesota Twins lo chiamano, ma dopo un po' subisce il taglio. Dopo un'annata tra Edmonton e la lega venezuelana, viene selezionato ai primi di maggio dai Memphis Redbirds (team di Triplo A affiliato ai Cardinals) ed esordisce il quattro maggio con una vittoria tre a due ai danni degli Atlanta Braves.

Il suo record da quel momento e' stato una specie di striscia: in breve ha raggiunto le sette w (contro una sola gara persa, in tredici partite), poi sono arrivate ovviamente le sconfitte, alcune rovinose. Al termine di un periodo un po' cosi' cosi' i Cardinals lo rimandano alla fine di agosto a Memphis, ma neanche dieci giorni dopo torna e vince contro la sua bestia nera, i Chicago Cubs di Sosa e dell'ottimo pitcher Wood (fino a quel momento era 0-2 con piu' di 11 punti di media subiti).
Il suo utilizzo come partente nella post season ora sembra sempre piu' probabile da parte di St. Louis, squadra seguita con simpatia quest'anno per la prematura scomparsa di Darryl Kile.

Il ventottenne di Mountainview, California continua a ripetere che lui e' e si sente americano, che di italiano ha poco (il bisnonno era emigrato dalla periferia milanese), ma e' rimasto affezionato a quell'esperienza nel nostro paese, culminata con la presenza alle Olimpiadi. Infatti nel 2000 gioco' tre partite a Sydney: una no decision con gli Usa (sconfitta 4-2 con i futuri olimpionici), una vittoria con il Sudafrica e una sconfitta con l'Olanda.

“Ci vediamo ad Atene” ha detto il buon Jason: sarebbe un bel sogno, anche se a Rimini si ricordano bene il suo mancato ritorno dopo lo scudetto.

Il suo gioco e' ricco di lanci cosiddetti sporchi, di qualche homerun subito di troppo, ma vanta (oltre alla grande annata di tutti i compagni) un'ottima media battuta per un lanciatore della National League (.244, la migliore tra i pitcher partenti dei Cardinals).

Di seguito la scheda biografica e tecnica: situazione al 13/09/2002

Jason W. Simontacchi
Nato a Mountainview, Ca 13/11/1973 1.88 di altezza 85 Kg.
# 46 di maglia, lanciatore destro, battitore destro
College: Albertson, Idaho
Nel 2000: con Rimini 12 – 1 , 1.17 di media punti subiti
con l'Italia 1 – 1 , 1.17 di media punti subiti con 10 strikeout
Nel 2001: con Edmonton 5 – 8 come partente e 2 – 5 come rilievo
con Aragua (Venezuela) 3 – 3 in 12 partite (in undici da partente)
Nel 2002: con Memphis 5 – 1 , 2.34 di media punti subiti
04/05/2002 = esordio nella Mlb vs. Atlanta Braves
con St. Louis 10 – 5 , 4.07 di media punti subiti

In dettaglio la sua prima stagione da professionista:
3 maggio: preso dai Memphis Redbirds (provenienza Lakeland Tigers)
4 maggio: W vs. Atlanta (7.0 IP, 5 H – 1 HR – 4 SO)
10 maggio: n.d. @ Cincinnati (5.0 IP, 6 H)
21 maggio: W vs. Houston (7.0 IP, 5 H, 4 SO)
26 maggio: W @ Pittsburgh (7.1 IP, 8 H – 2 HR – 4 SO)
4 giugno: W @ Cincinnati (6.1 IP, 6 H)
9 giugno: n.d. @ Kansas City (5.0 IP)
15 giugno: W vs. Kansas City (6.1 IP, 6 H – 1 HR – 3 SO)
23 giugno: L @ Chi Cubs (4.0 IP, 7 H – 2 HR – 3 SO)
28 giugno: W vs. Cincinnati (7.0 IP, 7 H – 1 HR – 3 SO)
3 luglio: W vs. San Diego (6.2 IP, 5 H)
12 luglio: n.d. @ San Diego (6.1 IP, 5 H)
17 luglio: n.d. vs. San Francisco (6.0 IP)
22 luglio: n.d. @ San Francisco (5.2 IP, 7 H)
27 luglio: L vs. Chi Cubs (4.0 IP, 7R, 6 punti subiti)
2 agosto: L @ Atlanta (1.0 IP, 7 H – 2 HR – 6 punti subiti)
7 agosto: n.d. @ Montreal (6.0 IP, 7 H – 2 HR – 6 SO)
12 agosto: W @ Pittsburgh (5.1 IP, 8 H, 5 SO)
17 agosto: W @ Philadelphia (7.0 IP, 2 H – 1 HR – 7 SO)
22 agosto: n.d. vs. Pittsburgh (6.1 IP)
27 agosto: L @ Cincinnati (6.1 IP, 7 H)
29 agosto: passa ai Memphis Redbirds
3 settembre: torna ai St. Louis Cardinals
8 settembre: W vs. Chi Cubs (8.0 IP, 4 H – 1 HR – 4 SO e 2 singoli, 10°
valida in stagione)
13 settembre: n.d. @ Houston (6.2 IP, 7 H, 5 BB)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *