AL Central Report #3

Francisco Liriano è di nuovo caldissimo!

Nella Central division la corsa a due prosegue senza grossi scossoni.
Twins e Tigers sono le due squadre più forti e lo stanno dimostrando, Chicago galleggia mentre Indians e Royals stanno guardando al futuro in modi diversi.

MINNESOTA TWINS (36 -27)
Gli M&M boys degli anni 2000 stanno trascinando la squadra. Soprattutto Morneau sta avendo una annata da MVP. Una OPS di quasi 1.100 la dice lunga sulla qualità  della sua stagione.

Il resto del line-up è solido anche se gli infortuni stanno colpendo l'infield con un po' troppa facilità . Per ovviare alle assenze di Hardy e Hudson sono stati chiamati in MLB Plouffe e Valencia.

La rotazione si sostiene sempre di più sul ritrovato Liriano, il quale dopo un inizio scintillante era calato un po' per poi però riprendersi alla grande nelle ultime uscite. Nelle ultime tre partenze, 21IP, 2W, 2BB, 28K per una stagione da 1.20 di WHIP. Bentornato!

DETROIT TIGERS(33 -29)
Prosegue la rincorsa. E prosegue sulle ali di Miguel Cabrera, su quelle di un rookie inatteso e su quelle di un pitcher ancor meno atteso.

Cabrera sta mettendo su numeri simili a quelli di Morneau. Boesch continua stupire con la sua solidità  ed ha addirittura costretto il manager a far rientrare Carlos Guillen come 2B per lasciare spazio al rookie sorpresa.

Il pitching continua a reggersi su Verlander a soprattutto su un ottimo bullpen. La storia del quasi perfect game di Galarraga è oramai leggenda

CHICAGO WHITE SOX (28-34)
Squadra altalenante come poche. Sospesa tra ottime e pessime prestazioni. L'attacco si regge su Rios e Konerko, però non è sufficiente a sopperire alla poca resa degli altri, Quentin e Pierre su tutti. Il pitching è anche lui altalenante, con il solo Danks degno di nota.

Una stagione in sordina. Non sono ancora fuori dai giochi, ma solo per il potenziale che potrebbero esprimere. Tra un mese si saprà  se saranno buyer o seller alla trade deadline. Io scommetto su seller.

KANSAS CITY ROYALS (27-37)
Nulla di nuovo a Kansas City. Come previsto, il cambio di manager non ha prodotto alcun risultato apprezzabile. Questo succede perché la dirigenza si ostina a fare giocare "onesti" mestieranti dall'OPS di 650 (vedi Podsednik, Guillen, Betancourt e Ankiel) invece di promuovere, e fare giocare e maturare, giocatori che potrebbero tornare utili per il futuro come Alex Gordon e Kila Ka'aihue. Si gioca male e non si gioca per il futuro.

CLEVELAND INDIANS (25-37)
A Cleveland invece si gioca per il futuro. Lo si era dichiarato in offseason e per ora si sta mantenendo la parola. Chiamati in MLB sia Donald sia Carlos Santana. Rimandato in AAA un LaPorta poco incisivo, il quale però nelle prima 5 partita dopo la retrocessione ha già  messo a segno 5HR. I partenti stanno pian piano stabilizzando.

Asterso si sta dimostrando l'asso della squadra. Carmona sta tornando su livelli accettabili. I giovani stanno arrivando e/o stanno maturando bene. Tra poche settimane il roster verrà  stravolto dalla trade deadline e vedremo ancora più giovani esordire e cercare di dimostrare i proprio valore.

Insomma l'esatto opposto di cosa si sta facendo a Kansas City. Si giocherà  anche male però si pongono basi per il futuro. Immagino sappiate quale delle due strategie pagherà  meglio a lungo termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *