Pac10 Report â€â€œ Week 6

Patrick Cristopher affonda, Cal tenta la fuga

Pazza, pazza ed ancora più pazza Pac10. Nel giro di due giorni, ed una partita, la classifica cambia completamente fisionomia e la scala dei valori sembra sconvolgersi ad ogni match. Ora, però, dopo la settimana appena trascorsa finalmente abbiamo una squadra in testa solitaria; è l'inizio della fuga decisiva o un fuoco di paglia?

Lo vedremo strada facendo, nel frattempo andiamo a ripercorrere quello che è successo nell'ultimo week-end in maniera tale da scoprire chi è da solo in vetta e come ci è arrivato. Apre la settimana la vittoria 77-73 di UCLA su Stanford.

Costretti a rincorrere per gran parte del match i Bruins, sotto gli occhi di una grandissimo della storia recente come Arron Afflalo, chiudono la partita con un parziale di 23-13 che si rivela decisivo. Nelson firma 18 punti dalla panchina, Dragovic 15, Roll 16 con 6 assist ma l'MVP dell'incontro è senza dubbio il freshman Tyler Honeycutt, che sfiora la tripla doppia chiudendo la serata con 12 punti, 11 rimbalzi ed 8 assist, a cui aggiunge anche 2 rubate e 3 stoppate. Per i Cardinals non basta il career high a quota 35+10 di Landry Fields, felice benefattore della non difesa di Dragovic, ed i 18 di Jeremy Green.

Partita molto più a strappi, invece, tra Arizona State e Washington State; con i Cougars che alla fine devono arrendersi davanti al proprio pubblico per 81-70. Avanti di 17 ad inizio secondo tempo, ASU subisce un contro-parziale di 25-10 che riporta a -4 i padroni di casa; la risposta di Arizona State, però, non si fa attendere e con un parziale di 22-15 negli ultimi 7' la gara è in ghiaccio. Abbott sfiora la doppia-doppia con 18 punti e 9 rimbalzi, Glasser dalla panchina firma 15 punti ed è perfetto dal campo; in casa Cougars, invece, non bastano i 20 punti con 6 rubate di Klay Thompson, che prosegue però il suo slump da 3 tirando 2/10.

Giovedì non altrettanto fortunato per i cugini di Arizona, che in casa di Washington allungano nel primo tempo, vengono ripresi nel secondo e scivolano anche fino al -10 prima di rientrare a -2 con 49" sul cronometro. Overton, però, non sbaglia i liberi e Washington la spunta 81-75. Trentello con 12 rimbalzi per Pondexter, mentre per Arizona ben 5 giocatori - di cui ben 3 uscendo dalla panchina - vanno in doppia cifra ma nessuno supera i 14 punti di Lamont Jones.

Il programma di metà  settimana si chiude con il botto, con USC che ferma 66-63 la corsa di Cal. Partita a dir poco schizofrenica al Galen Center con i Golden Bears che rimangono a secco per 10'46" a cavallo dei due tempi e subiscono un parziale di 25-0 che li porta dal +13 al -12.

Ma Cal rimonta nella seconda metà  della ripresa e mette anche il naso avanti a 143" dalla sirena prima di arrendersi in volata ai 4 liberi di Vucevic negli ultimi 8.9". Per i Trojans quattro in doppia cifra con 13 di Lewis, 12 di Gerrity, 10+8 di Stepheson e 10+10 di Vucevic. In casa Golden Bears 29 di Randle ed 11 di Cristopher.

Ma Cal si riprende subito, aprendo il programma del sabato espugnando 72-58 il Pauley Pavilion nello scontro diretto con UCLA, per una W che vale la vetta solitaria della Pac10. E pensare che i Bruins erano partiti a razzo nei primi 10', scappando anche sul +14. Poi l'attacco dei padroni di casa si è inceppato e la zona è stata bucata a ripetizione dalla fisicità  di Robertson e Cristopher.

La rimonta di inizio secondo tempo da -12 a -3, con Dragovic finalmente panchinato, è stata inutile per la truppa di Howland, che nel finale ha dovuto alzare definitivamente bandiera bianca. Venti punti a testa per Cristopher e Robertson, mentre Randle si ferma a 14 con 6 assist; per i Bruins si salva solo un ottimo Roll da 22+3+4.

Oregon State domina la Civil War n. 333, versione basket, sui cugini di Oregon vincendo 62-42 a Corvallis grazie ad un parziale di 30-17 nel secondo tempo. Per i Beavers, che fanno scendere in campo ben 14 giocatori, ci sono 18 punti di Omari Johnson ed 11 a testa di Haynes e Cunningham; in casa Ducks gli unici in doppia cifra - a quota 10 - sono Armsted ed un Humphrey che tira 3/11 dal campo ed 1/7 da 3.

Basse percentuali anche tra USC e Stanford, ma lotta punto a punto fino all'ultimo secondo. La vittoria va ai Trojans che firmano gli ultimi 6 punti della gara chiudendo 54-49 e compiono il sorpasso decisivo a 26.4" dalla sirena su un tap-in di Vucevic dopo un layup sbagliato da Marcus Johnson. Il serbo è anche l'MVP dell'incontro con una doppia-doppia da 18+14 mentre ai Cardinals non basta il solito Landry Fields, che si conferma il top scorer della conference mettendo a referto 27 punti ed 11 rimbalzi.

E' un vero e proprio blowout, invece, quello con cui Washington strapazza 79-56 Arizona State per rientrare più che mai a pieno titolo nella corsa alla difesa di quel titolo che gli Huskies hanno saputo conquistare la scorsa stagione dopo decenni di digiuno. Pondexter e Thomas firmano 17 punti a testa, Bryan-Amaning dal pino ne aggiunge 12+9 mentre Justin Holiday, fratello maggiore del più famoso ex Bruin ed attuale Sixer Jrue, scrive 7+10 ed un'altra prova difensiva di assoluto livello. Nel disastro dei Sun Devils si salva solo Demetrius Walker, che esce dalla panchina per firmare 14 punti in 15'.

Se Washington sale a tutta forza chi invece è andata in caduta libera nell'ultima settimana è Arizona, sconfitta anche in casa di Washington State per 78-60. Nella prima partita di aver annunciato auto-sanzioni per il 2010/11 e 2011/12 sulla squadra di basket maschile per violazioni commesse da Lute Olson in un torneo AAU nel corso del 2008, i Wildcats cedono di schianto nella ripresa permettendo ai Cougars di interrompere a 3 la striscia di sconfitte consecutive. Thompson scrive 14, Moore 12 ma l'MVP è DeAngelo Casto, che sfiora la doppia-doppia a quota 19+9 ed aggiunge anche 3 stoppate. Per la truppa di Sean Miller non bastano i 16+7 di Derrick Williams.

La settimana prossima rischia di essere fondamentale con un campale Washington@Cal ad aprire il programma giovedì mentre il derby di Los Angeles lo chiuderà  domenica notte.

Stay tuned.

CLASSIFICA
California 7-4 (15-8)
Washington 6-5 (16-7)
Arizona State 6-5 (16-8)
USC 6-5 (14-9) *
Arizona 6-5 (12-11)
UCLA 6-5 (11-12)
Washington State 5-5 (15-8)
Oregon 4-6 (12-10)
Oregon State 4-6 (10-12)
Stanford 4-7 (10-13)
* postseason ban

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *